La neve ha preso il mio handicap

Condividi su i tuoi canali:

""Un portatore di Handicap per essere sicuro di poter trovare un posto auto a lui dedicato dovrà attendere fiducioso il disgelo.""art. di Alex Scardina

 

Sono passati 20 giorni dall’allerta meteo che ha paralizzato la nostra provincia ad inizio febbraio. Su questo settimanale in tempi non sospetti difesi l’operato delle amministrazioni locali; scrissi:

 

“Ma i disagi portati da queste persistenti nevicate erano evitabili? In genere, da bravo Scardina-tore sono il primo a sparare agli amministratori tentando di evidenziare loro manifeste mancanze. Ma in tutta sincerità non me la sento di addossare loro alcuna colpa. Qualcuno potrebbe dirmi che era annunciata da giorni, che ci si poteva organizzare per evitare che quanto accaduto potesse realmente tangere sulla nostra mobilità a questi livelli. Potreste aver ragione, ma di fronte a un evento eccezionale come quello trascorso […] non credo ci sia azione preventiva possibile. La scelta di chiudere le scuole, in alcune località fino a sabato, nel distretto ceramico e nell’Unione Terre di Castelli anche lunedì […] è stato l’unico provvedimento prevedibile preso in provincia.”

 

Quanto avete appena letto lo confermo. La situazione atmosferica fu tale da vanificare qualsiasi tentativo di alleviare l’effetto delle abbondanti nevicate. Ma oggi, forse, qualcosa si potrebbe fare. Viaggiando nell’area pedemontana è possibile individuare cumuli di neve disposti qua e là, meringhe da guinnes che la natura ci ha regalato. Peccato che in genere si trovino non in aree prive di alcuna utilità, no, ma in punti strategici per la mobilità. Ad esempio a Vignola, lungo la pista ciclabile di via per Sassuolo, intersezione via Circonvallazione, il cumulo di neve, alto 2 metri e largo 3, impedisce a ciclisti e pedoni di sfruttarla; ciò impone loro ci camminare lungo la strada mettendo in pericolo la loro incolumità e quella degli automobilisti che li sfiorano. Che il giorno dopo l’ondata di maltempo ci si concentrasse nel ripristinare la regolare viabilità nelle arterie principali, non considerando vie secondarie e piste ciclabili, era logico…ma che a 20 giorni di distanza pedoni e ciclisti non siano ancora in grado di sfruttare le opportune sedi viarie, evitando pertanto di verificare quali danni possa provocare un veicolo quando colpisce un essere umano come fosse un birillo, ha dell’incredibile. Ma la fotografia dell’inadeguatezza di un’amministrazione inutile emerge ancor di più in via Plessi, nei posti auto adiacenti allo stadio comunale. Qui neve non ce ne più, tranne in unico microscopico punto: il parcheggio degli invalidi, divenuto per l’occasione deposito per la neve. Il bello che di fronte campeggia la campagna “se vuoi il mio posto prendi il mio handicap”. Una vera presa in giro. Un portatore di Handicap per essere sicuro di poter trovare un posto auto a lui dedicato dovrà attendere fiducioso il disgelo. Cara (nemmeno tanto) Daria Denti cosa vogliamo fare? Aspettare agosto immagino…sempre che la neve non abbia “preso il mio handicap”! Ed eccola allora la campagna dell’inutile Denti: “Vuoi il tuo posto? Spalati la neve e tieniti il tuo handicap”.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.