LA GIORNATA DELLA MEMORIA

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

 

Verrà celebrata anche quest’anno a Sassuolo la “Giornata della Memoria”, in occasione del 73° anniversario della liberazione del campo di Auschwitz avvenuto il 27 gennaio 1945

per ricordare lo sterminio e le persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici nei campi nazisti.

 

Domani, sabato 27 gennaio, presso il Parco delle Rimembranze in viale XX Settembre, alle ore 10,30 si terrà la cerimonia pubblica e commemorazione delle vittime dei campi di sterminio e degli ex internati militari e civili. Alla presenza delle Autorità cittadine e dei rappresentanti delle Associazioni d’Arma dei Deportati, ex Internati e Combattenti e della Resistenza.

A seguire, a partire dalle ore 11,15 presso la sede del Liceo “A. F. Formiggini” in viale Bologna, “Meditate che questo è stato”: consegna del Giardino dei Giusti ad una classe prima.

All’Auditorium P.A. Bertoli di via Pia alle ore 21, “I confini dell’umano”: conferenza spettacolo in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti a cura dell’Istituto “A. Gramsci” di Sassuolo aperta a tutti

 

Domenica 28 gennaio in sala G. P. Biasin dalle ore 17: “Per che cosa faceva il tifo Anna Frank”: “So quello che voglio. Ho uno scopo, un pensiero, ho la fede e l’amore. Permettetemi di essere me stessa e sarò soddisfatta. So che sono una donna, una donna piena di coraggio e di forza d’animo”. Spettacolo di letture, musiche e riflessioni per celebrare la Giornata della Memoria 2018 a cura di Rita Turrini, iniziativa organizzata dal Circolo Culturale “Artemisia”

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati