La Fondazione corre in aiuto del Comune di Modena

Condividi su i tuoi canali:

None

E il resto del territorio?

La Fondazione Cassa di Risparmio di Modena avvia l’acquisto di una parte del pacchetto azionario del COmune di Modena in Hera: non un’operazione leggera, dato che si tratta di un intervento da 17 milioni di euro. A parte l’opportunità politica di questa manovra, mi chiedo se la Fondazione interverrà con manovre di questo genere su tutto il territorio della provincia, ovvero se ricapitalizzerà le casse di ogni Comune che manifesterà problemi di bilancio.

Un intervento di soccorso così diretto, così mirato è un pericoloso precedente, che getta anche una luce particolare sulla vendita di parte del pacchetto azionario di Unicredit qualche mese fa: preparazione a questa manovra in soccorso di Modena? E tutte le aziende del territorio, i cittadini che invece avrebbero avuto vantaggi da un peso maggiore della fondazione nell’azionariato di della principale banca italiana?

Sulle scuse di Pighi invece che parla di influenza immutata del Comune sulla Governance di Hera Spa, non nutro dubbi: in questi anni i cittadini si sono visti aumentare continuamente le spese per le utenze, senza intervento alcuno in loro favore da parte di chi è stato eletto, ma evidentemente preferisce il ruolo di azionista che si vede staccare un dividendo, dunque pacchetto azionario o meno, i cittadini non noteranno la differenza.

 

Consigliere Provinciale PdL

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria