La Festa di Bosco Albergati si chiude con un incasso lordo di oltre 750 mila euro.

Condividi su i tuoi canali:

Nota del Partito democratico di Castelfranco Emilia e San Cesario

Quasi 300 volontari hanno lavorato in una Festa che è tornata alla normalità pre-covid. Pd Castelfranco e San Cesario: “Abbiamo raggiunto il risultato prefissato di visitatori e incassi”.

Si è chiusa lunedì 8 agosto, dopo quattro settimane di attività, la Festa dell’Unità di Bosco Albergati, iniziata il 15 luglio. Il bilancio finale parla di un incasso lordo di oltre 750 mila euro. La Festa è tornata alla sua normalità pre-covid con aperture dal martedì alla domenica, attività gestite da volontari (ristoranti, bar, libreria, area spettacoli e concerti) e altre con il coinvolgimento di privati (ristoranti, area commerciale, luna park). Partendo da questo siamo riusciti a riproporre una Festa ricca di attrazioni, che prova a restare al passo con i tempi proponendo costantemente attività per tutti i gusti e tutte le età. Quest’anno poi con la fine dell’emergenza pandemica, è stato possibile organizzare nuovamente il ballo con un’offerta ampia e diversificata: nella Balera, le migliori orchestre di liscio in circolazione, nel ‘Sottobosco’ il palco dei giovani, band emergenti, tributi e dj-set e al Villaggio Latino i ritmi e le melodie latine. “Una sfida vinta nuovamente con numeri incoraggianti di visitatori e tanti apprezzamenti per l’offerta variegata di ristoranti e intrattenimento per tutti”, le parole del responsabile della Festa Moris Saguatti a cui ci uniamo con soddisfazione per aver portato a termine un progetto che non era né facile né dall’esito scontato.

Come ormai da qualche anno, abbiamo sfruttato le grandi potenzialità dell’area di Bosco albergati totalmente immersa nel verde: poche tende leggere e tanto spazio sotto le stelle per far godere ai visitatori una cena nel bosco all’aria aperta. Sempre molto apprezzato poi il luna park e l’area bimbi con animazioni e altre attività rivolte ai più piccoli e alle loro famiglie.

Un grande successo anche per lo spazio politico che ha visto alternarsi ospiti politici come il presidente Bonaccini, a iniziative più culturali come le presentazioni di libri. Iniziative tutte molto seguite con un pubblico attento e anche tanti giovani. La partecipazione massiva, vigile ed anche critica alle iniziative, è una buona premessa per la campagna elettorale imminente e ci dice che se si mettono al centro i temi che coinvolgono i Cittadini e la Politica,si diventa molto credibili e attrattivi.

Infine una grande partecipazione dei nostri volontari, quasi 300 che per 22 sere hanno lavorato dietro alle quinte per far si che tutto fosse il più perfetto possibile: a loro deve andare il nostro ringraziamento: “Questo è un grande momento per il Partito democratico di Castelfranco Emilia e San Cesario, perchè senza volontari e militanti non ci sarebbe nessuna Festa ma soprattutto non ci sarebbe nessuna comunità. Riuscire a confermare tutto ciò da 41 anni è un grande successo, ma sappiamo bene che non dobbiamo fermarci qui: dobbiamo essere pronti a raccogliere ciò che la festa ci insegna per metterlo in campo nella nostra comunità”, dichiarano Alessandro Salvioli segretario Pd di Castelfranco Emilia e Roberto Formentini segretario Pd di San Cesario.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...