La favola bella è finita

Condividi su i tuoi canali:

Le intercettazioni ci schiudono un mondo orribile e contorto, senz'anima né decenza. Sarebbe un insulto per gli stomaci dei lettori, pubblicare qualche conversazione,  oltre a quella inserita nell'articolo, ma diciamo grazie a questi loquaci campioni dell'illegalità, del cialtroneria e della sopraffazione che hanno fornito  prove così lampanti agli investigatori.

A dire la verità, pur non essendo particolarmente cinica, alla favoletta  della bontà,  dell’accoglienza, della solidarietà, propinata in ogni momento e in tutte le salse, da una certa parte politica, nonchè dagli intellettuali autoreferenziati, dalle santone, patronesse e compagnia bella,  non avevo mai creduto. I fatti recenti… in costante evoluzione, ci presentano ben altre realtà, rispetto alle signore sindaco lacrimose e pietose, rispetto alle fustigatrici instancabili, modello Kyenge, che a parole insegnano a tutti gli italiani come si accolgono i disperati di tutto il mondo, come si devono rifocillare, come si devono alloggiare, vestire e munire di ogni confort…L’indagine su Mafia Capitale che ormai ha fatto  scorrere fiumi d’inchiostro, reale e virtuale, si allarga ogni giorno di più. Le intercettazioni ci schiudono un mondo… orribile e contorto, senz’anima né decenza… sarebbe un insulto per gli stomaci dei lettori, pubblicare qualche altra  conversazione,  oltre a quella inserita qui sopra, ma sono grata a questi loquaci campioni dell’illegalità, della cialtroneria e della sopraffazione che hanno fornito  prove così lampanti agli investigatori.

Sono da sempre una sostenitrice assoluta delle intercettazioni, a 360°, le considero uno strumento per l’acquisizione di prove di valore incommensurabile…strumento che andrebbe potenziato, non certo ridotto o mutilato, come taluni vorrebbero. Non si intercetta una qualsiasi signora Pina  che tuba con l’amante, o il pio pater familias che, uscito da messa chiama al telefono l’amichetta…personaggi di importanza vicina allo zero…

No, si intercettano coloro i quali hanno il potere, politico, economico, amministrativo… quelli che, a vario titolo, decidono della sicurezza, dell’economia, del lavoro, della vita dei cittadini… Appalti truccati, costi gonfiati, altre infinite “”perle”” di cialtroni liberi di delinquere, stringere accordi con mafia e simili, il tutto alle spalle dei cittadini ignari.

Invocare, come qualche gaglioffo ancora si ostina a fare, la privacy, è qualcosa che va oltre l’umana comprensione.

 

***

 

Come sempre vi presento brevemente il numero on line  da oggi: i titoli in grassetto portano direttamente all’articolo. Vi ricordo inoltre la pagina Face Book di Bice, nella quale troverete collegamenti diretti all’Agorà e alle Rubriche, con immagini e link.

Bice testata on line

***

 

Fate la carità, fate la Caritas… e diventerete ricchi di Alberto Venturi e Gianni Galeotti.

L’argomento di questa settimana per la rubrica Opinioni a confronto, con il  titolo che riconduce ironicamente al lamento degli accattoni, è l’indagine che ha travolto il Comune e la città di Roma, con la scoperta dei legami fra mafia, delinquenza comune e politica.

 

Quando la sensibilità e’ a senso unico di Massimo Nardi

Ad Abu Dhabi lo sponsor del Real Madrid toglie la croce allo stemma della squadra. A Bergamo si proibisce il presepe e il parroco si defila  – per evitare strumentalizzazioni -.

         

Schifo più schifo di Alex Scardina

Dopo questa ennesima delusione, dopo l’ennesimo tradimento della fiducia in loro riposta, il cittadino dovrebbe ancora poter credere ai politici? Vale di più la parola di Giuda, almeno ancora oggi sappiamo quanto costava!

         

Mafia Capitale di Paolo Danieli

Appare sempre più chiaro che i soldi degli italiani che già pagano le spese dei rispettivi comuni non solo sono andati a ripianare la voragine di debiti accumulati dalla vorace macchina comunale capitolina, ma sono andati a finire nelle tasche degli amministratori corrotti e dei malavitosi. E ciò è intollerabile.

         

Germinale di Francesco Saverio Marzaduri

A cento anni dalla nascita, l’omaggio alla complessa figura di Pietro Germi, regista  e attore, genio cinematografico bifronte,  diviso fra noir e  commedia all’italiana, genere del quale il cineasta genovese è considerato ideatore.

 

Real Estate Horror   di Eugenio Benetazzo

La maggior parte delle banche italiane non ritiene più strategico finanziare mediante erogazione di mutuo le giovani coppie che si sposano: è una questione di rischio connaturato alle mutate condizioni culturali della società. Un matrimonio su due va in default entro il terzo anno nel 60% dei casi e le conseguenze burocratico-legali impediscono la vendita dell’immobile in tempi brevi.

Auguro a tutti buona settimana e buona lettura del n. 446-109.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo