La disumanità è servita

Condividi su i tuoi canali:

Un carabiniere, intervenuto per sedare una rissa, mentre giace a terra, picchiato selvaggiamente dal branco, è anche derubato del borsello, da un passante. Una donna, disperata e malata, sceglie di darsi la morte nella maniera più atroce, dandosi fuoco; gli astanti riprendono la scena col loro cellulare.

 


A Castellammare di Stabia, un carabiniere, (benché fuori servizio, benché in borghese, benché in compagnia della sua famiglia) nella notte fra il 31 luglio e il 1° agosto è intervenuto per cercare di sedare una rissa:  stato investito con uno scooter e poi aggredito e pestato selvaggiamente  da un branco di giovanissimi, una decina, fra i quali un minorenne.  Picchiato con ogni mezzo, persino con caschi da motociclista, fatto oggetto persino del lancio di un tavolino da bar, ha riportato trauma cranico e altre lesioni ed è ricoverato in ospedale. Ma non basta, durante il pestaggio, un passante ha colto l’occasione propizia e gli ha sottratto il borsello cadutogli a terra.

Una donna, a Ombriano, alle porte di Crema, sceglie di darsi la morte nella maniera più atroce, dandosi fuoco mentre gli astanti la riprendono col loro cellulare. Solo un automobilista, sopraggiunto in seguito, è accorso e ha cercato in qualche modo di aiutarla, di prestarle soccorso… Un gesto generoso rivelatosi inutile, purtroppo. All’orrore di questa terribile morte si aggiunge quello dell’indifferente curiosità dei presenti che hanno filmato ciò che stava accadendo.

A notizie come queste seguono, inevitabilmente, indignazione, esecrazione, lezioni severe di etica, richiami alla coscienza… Sono, tuttavia, lezioni e richiami assolutamente inutili. Non faranno ravvedere chi si è macchiato di tanta stupida indifferenza, della malvagità di picchiare in branco un uomo inerme nonché derubarlo…Né faranno vergognare e pentirsi amaramente i registi improvvisati che immortalano con indifferenza l’agonia di un essere umano avvolto dalle fiamme.
L’hanno fatto, e basta. E, probabilmente, senza rimorso, lo rifaranno, alla prossima occasione propizia e altri impareranno a fare la stessa cosa perché questi eventi, pur così esecrabili, faranno tristemente scuola.   
E, altrettanto grave, a mio avviso, è l’ottundimento delle coscienze, effetto collaterale e altra conseguenza di questi comportamenti; siamo ormai  mitridatizzati dallo stillicidio velenoso di disumanità, cinismo, crudeltà e orrori vari quotidianamente serviti dall’informazione … e siamo vicini al giorno in cui non avremo neppure più un sussulto d’indignazione e di orrore.

Qualsiasi cosa accada.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Come di consueto, qui di seguito presento brevemente il numero on line da oggi. I titoli in grassetto sono link che portano direttamente ai relativi pezzi. Questo per consentire anche a chi ha poco tempo, di poter sfogliare più facilmente il giornale.

Buone Vacanze

Redazionale

A scuola di disumanità

A.D.Z.

Salvini a processo: lo chiedono gli italiani o lo chiede l’Europa?

Massimo Nardi

Sarà un giudizio libero o condizionato? Intanto gli sbarchi aumentano. Il “Paese del Bengodi” apre le porte a tutti. Poi a mantenerli chi ci pensa? C’è qualcosa di strano in tutto questo.

Strage di Bologna: esecutori mandanti complici e distratti

Alberto Venturi

Sull’immigrazione la sinistra di governo consuma la sua più grande sconfitta: la perdita di se stessa”. Non ha una visione, non ha un programma, non ha una strategia per l’emergenza che dura da più i trent’anni. Mi domando se anche sulla strage di Bologna, indigeribile anche dopo 40 anni, la sinistra di governo non abbia peccato almeno di ‘distrazione’.

Divina Commedia a Maranello

La Reine

Giovedì 30 luglio, a Maranello, l’ultimo dei cinque incontri che hanno concluso il percorso iniziato lo scorso giugno 2019 con i canti dell’Inferno.

I dolori del giovane Werther cubano

Nicola Rega

Lo scenario non è quello dello Sturm und Drang di Goethe ma più prosaicamente una squallida stanzetta d’albergo a quattro passi da Palazzo Chigi. Ed i dolori del giovane cubano non sono le ambasce sentimentali del giovane Werther ma problemi legati a rischiose scommesse in Borsa. Ma come fa il trentenne cubano in questione a puntare fino a 2.000  euro in un giorno con uno stipendio da cameriere?

Lavori che scompariranno

Eugenio Benetazzo

Oggi  viviamo in piena rivoluzione industriale: il mondo del lavoro sta cambiando ad una velocità tale che nei prossimi anni molte prestigiose professioni che universalmente erano considerate sicure o ben retribuite, spariranno molto presto.

Motori e dolori

Matteo Gavioli

La fine del lockdown ha sancito per milioni di persone la possibilità di tornare liberamente a viaggiare sulle strade, ma la ripresa della mobilità urbana ha causato un aumento del rischio di infortuni legato a moto e auto. Dagli esperti i consigli più utili per prevenirli e curarli.

Buona lettura del n. 713 – 403 e Buone Vacanze.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa