La curva svuotata, l’infinita ipocrisia del calcio

Condividi su i tuoi canali:

Sulla vicenda della curva nord a San Siro nessuno dice praticamente niente, se paragonato
alla gravità dell’evento; nemmeno il Ministro dell’Interno sembra smanioso di parlarne o
di inventare un nuovo decreto. Ma i primi responsabili sono i dirigenti attuali del calcio italiano.

Ho letto l’intervista del vicepresidente Javier Zanetti al Giorno su quanto avvenuto durante Inter-Sampdoria.  I tifosi neroazzurri, appreso dell’agguato mortale allo storico Capo Ultras della Curva Nord, hanno letteralmente costretto parte degli spettatori a lasciare il secondo anello dello stadio.

Non saranno una jungla gli stadi, ma insomma e on il colpevole silenzio di tutti, oltre che alla complicità delle società. Basti dire che il leader della curva dell’Inter Andrea Beretta, già responsabile di furto, rapina, sequestro di persona, si è deciso ora di sottoporlo a sorveglianza speciale per un anno e mezzo con divieto di dimora nel capoluogo lombardo. E si danno da tre a sei anni agli organizzatori di rave?

Sulla vicenda della curva nord nessuno dice praticamente niente, se paragonato alla gravità dell’evento; nemmeno il ministro dell’interno sembra smanioso di parlarne o di inventare un nuovo decreto. Ma i primi responsabili sono i dirigenti attuali del calcio italiano e l’intervista di Zanetti ne è un esempio.

Ecco le sue dichiarazioni: “Spero che quanto accaduto a San Siro, con la curva Nord che si svuota, non succeda mai più. Quest’anno abbiamo registrato tanti sold out: un record nella storia del club. La gente deve tornare allo stadio”. Sperare non significa fare qualcosa, nonostante siano gli ultras della sua squadra i protagonisti, non marziani. Sperare in chi, se non in se stessi?

A domanda sul rischio che le famiglie possano decidere di abbandonare lo stadio, ribatte: “Non credo che ora la gente voglia scappare, l’impulso del tifoso è più forte di quel che è accaduto. Però vanno rispettati i valori dello sport” e a domanda se gli ultras hanno troppo potere: “Non voglio dividere i tifosi… parlo di tutti. Cose come quelle dell’altra sera non mi piacciono. Lavoreremo sempre per riempire lo stadio”.

A Zanetti interessa solo riempire lo stadio: non usa la parola reato, non usa il termine intervenire, non c’è annunciata alcuna misura contro gli ultras.

Insomma, niente di nuovo sotto il sole.

Il 7 gennaio 2019 Matteo Salvini, al termine della riunione dell’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive che si è svolto a Roma presso la Scuola superiore di Polizia, aveva esclamato: «Vogliamo sradicare la violenza da dentro e fuori gli stadi e useremo ogni mezzo necessario». Con lui, a dirlo, c’erano  Giancarlo Giorgetti e Matteo Piantedosi. Forse allora non hanno fatto in tempo; vedremo stavolta.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Parte il tour itinerante

Al Castello Montecuccolo a Pavullo nel Frignano (Mo) partirà il tour itinerante della copia della corona di Mary of Modena” in occasione sarà illustrato il

Grande fucile, piccolo cervello

L’attentato a Trump  ha mostrato gli incredibili punti  deboli, le falle nella sicurezza, della più grande democrazia del mondo anche se non sono mancati anche

Concorso Futuri Maestri

Sabato 13 luglio alle ore 18.30, presso Spacegallery di via Bonaccini 11, si è svolta la seconda edizione del concorso Futuri Maestri – Eccellenze creative