La crisi dell’IRIS Ceramica spa

Condividi su i tuoi canali:

Dichiarazione del Sindaco di Fiorano Modenese Claudio Pistoni

Per le informazioni che si avevano sull’andamento del gruppo e sui risultati conseguiti negli anni scorsi, la notizia del radicale ridimensionamento annunciato da Iris Ceramica, appare non motivato e con troppi punti oscuri che richiedono di essere approfonditi. Tra l’altro riguarda stabilimenti tecnologicamente avanzati e nei quali sono in corso investimenti significativi.

La notizia è motivo di forte preoccupazione perché avrebbe pesanti conseguenze per il bilancio di molte famiglie e per la rete dell’indotto.

La crisi c’è, lo sappiamo tutti; ma è proprio in questi momenti che ognuno deve fare la sua parte e chiedo all’Iris, prima di arrivare alle decisioni annunciate, di valutare insieme alle organizzazioni sindacali e alle istituzioni tutte le possibili soluzioni alternative, con l’obiettivo di garantire una forte presenza dell’Iris in questo distretto e un futuro ai lavoratori.

L’attuale crisi non può diventare il motivo per smontare il rapporto positivo fra le parti sociali costruito in questi anni, fondamentale per garantire i risultati conseguiti dal nostro distretto.

In questi momenti difficili anche gli imprenditori, come molti stanno facendo, debbono guardare alla comunità che ha contribuito ai loro successi.

Molto hanno dato per il benessere e la crescita economica delle nostre comunità, ma almeno altrettanto hanno ricevuto. 

Rimango in stretto contatto con gli altri sindaci, con le Province e con le organizzazioni sindacali, pronto ad assumere le iniziative che contribuiscano a rivedere la decisione assunta dall’Iris .

 

Claudio Pistoni, sindaco di Fiorano Modenese

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo