La corona di Maria Beatrice d’Este

Condividi su i tuoi canali:

Nel corso di una solenne cerimonia, la presentazione all’all’ambasciatore di Polonia della corona di Mary of Modena, moglie di re Giacomo II, ultima regina cattolica d’Inghilterra.

La corona della Regina consorte Mary of Modena veicola cultura e turismo. Un tour che sarà mondiale.

Un manufatto di incredibile bellezza che replica l’originale custodito a Londra. Stiamo parlando della Corona regale che cinse il capo di Maria Beatrice d’Este, giovane modenese nata dai Duchi d’Este, quando nel 1673 andò in sposa a Giacomo II Stuart, Re d’Inghilterra, Scozia e Irlanda, incoronato il 23 Aprile 1685. Fu un regno breve. Durò tre anni. Eppure lasciò un segno (anche durante l’esilio in Francia al quale la coppia fu costretta per moti rivoluzionari interni) che non deve stupire. La giovanissima Mary of Modena era colta, poliglotta, elegante, equilibrata nel supportare il coniuge (anche durante l’esilio) con integrità e intelligenza, oltre ad occuparsi con riconosciuta lungimiranza della regale discendenza. Questa è la cifra storica che i documenti e le cronache d’epoca riconoscono a Mary of Modena. Un personaggio da riscoprire.

Il rilancio di tutta questa vicenda non può non essere fatto culturale e veicolo di turismo di qualità.

Cultura e turismo si fanno tutt’uno in molteplici, riconosciute occasioni. Tra queste, l’idea di Laura Rebuzzi e Laura Corallo, presidenti delle Associazioni BBassa E.R. e Viceversa, di fare eseguire copia dell’importante gioiello: la corona dell’unica regina italiana che la Gran Bretagna abbia avuto. Una regina cattolica e devota.

Per Fiorano e per il suo importante Santuario della B. V. del Castello l’esposizione della Corona, benedetta Domenica 12 Maggio 2024, è stato un momento denso di emozione e di preghiera. La partecipazione di un pubblico nutrito e di numerose Autorità è andata oltre ogni aspettativa, tanto da prolungarne l’esposizione nelle domeniche del mese in corso.

Lunedì 13 Maggio la presenza dell’Ambasciatore di Polonia presso la Santa Sede, Sua Eccellenza Kwiatkowski, è stata veicolo di ulteriore omaggio.  Il 13 Maggio è,  infatti, ricorrenza della Madonna di Fatima. Focus dell’evento un prezioso regalo al Santuario: una reliquia di San Giovanni Paolo II, particolarmente devoto alla Madonna. La coincidenza tra la data e il fallito attentato in Piazza San Pietro fa da sfondo inequivocabile. La reliquia è arrivata a Fiorano per concessione di Sua Eminenza il Cardinale Dziwisz, Arcivescovo Emerito di Cracovia.

Il rilancio che questa somma di date e di personalità sta avendo è, per Fiorano e per il modenese tutto, un volano di indubbio spessore. Roma e numerose altre città saranno tappa della esposizione della Corona e dei documenti storici che Rebuzzi e Corallo hanno fatto riprodurre. Per il territorio trattasi di occasione da non sottovalutare. L’amore per le radici, per le tradizioni e per illustri personaggi modenesi sono proscenio di ogni politica che voglia essere scevra da miopie e stereotipi.

Al termine della Cerimonia l’ambasciatore ha reso omaggio alla Corona In esposizione nella Cappella Messori al cospetto delle artefici del Progetto Laura Rebuzzi Spiega :

il Manufatto e l’evento sono un omaggio a una figura storica ns. concittadina messa in primo piano consegnandola giovanissima al trono d’Inghilterra come Regina consorte.

Quindi il ringraziamento va a tutti per l’attenzione che hanno riposto in noi , in particolare modo all’ambasciatore dello stato Polacco, che sarà il viatico di un percorso  Spirituale, Turistico, Itinerante, Mondiale.

Al termine del ringraziamento gli è stata donata come ricordo dell’evento copia del documento di Matrimonio di Mary of Modena .

Laura Rebuzzi Laura Corallo

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria