La coppia scoppiata

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

Cuori infranti e limoni spremuti...questa è la cronaca dei nostri giorni
art. di A.D.Z.

 

 

Accade così di frequente, ormai, che quasi nemmeno  ci si fa caso, quando a scoppiare, non nel senso di deflagrazione, ovviamente, ma di separazione, sono le coppie normali, composte da uomo e donna…Può essere doloroso e difficile, separarsi o divorziare, ma è pur sempre preferibile a tanti matrimoni di facciata, nei quali uno dei coniugi, talvolta entrambi, si danno al buon tempo, mantenendo la pretesa e il sussiego di impartire all’universo mondo lezioni sull’indissolubilità del sacro vincolo, sulla fedeltà, sulle  promesse eterne e tante altre amene cose. Non perché siano davvero amene, tutt’altro, sono cose serissime, auspicabili e grandi, elementi sui quali si fonda la famiglia umana, cellula primaria e insostituibile della società…ma diventano veramente amene quando provengono da certi pulpiti.

Fa più sensazione, sicuramente, una separazione tra politici, come quella che ormai pare certa, fra Berlusconi e Bossi, con quest’ultimo che accusa addirittura l’ex alleato di essere in combutta con i comunisti. Cose da far venire le lacrime a uno che sulla lotta ai comunisti e sullo spauracchio dei “rossi” ha fondato parte della sua fortuna politica. Rimane la “”leggera”” incoerenza della sua fraterna amicizia con un comunista “DOC” come Putin, ma non stiamo a sottilizzare…guardiamo a ciò che accade  in casa nostra.

E quello che vediamo in questi giorni non è bello.

Il Governo ha varato una manovra per la quale sono stati usati tutti gli aggettivi, dai più truculenti ai più offensivi, tutti ampiamente meritati. Anche il più responsabile e volenteroso  dei cittadini, disposto a sacrificarsi per salvare la nazione, ormai  si vede solo nel ruolo di limone da spremere. L’efficacia decantata di tanto sforzo, tuttavia, tarda a farsi sentire, stando ai risultati dei mercati finanziari. Quanto all’equità, che in teoria dovrebbe imporre a chi ha  di più (politici compresi) i maggiori  contributi, ci sarebbe molto da dire. E non sarebbero parole cortesi.

Su questi temi, con qualche incursione anche nel faceto, si sono espressi gli autori di questa settimana.

Il Senatore Paolo Danieli nel suo articolo “Basta soldi ai partiti!” denuncia quello che viene nominativamente definito contributo delle spese elettorali e che  in realtà è  un vero e proprio finanziamento costosissimo.

Alex Scardina ci rende edotti sullo spread, nell’articolo “Cicciobello spread!”

C.V.  in “Tranne te”  analizza la manovra di cui tanto si favoleggiava e che si sta rivelando, purtroppo, sempre più un provvedimento ingiusto, iniquo e forse inutile.

La Preda Ringadora propone l’articolo “”Osservatorio Stampa”” tratto da Modena Come

Buona settimana a tutti voi, e buona lettura del n. 302.

 

 

A.D.Z.

© Riproduzione Riservata

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un