La scomparsa  del Luogotenente Lorenzo Mosto

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
Profondo cordoglio e grande commozione  per la tragica scomparsa del comandante della
Caserma di Fiorano che ha perso la vita domenica 19 giugno, in un incidente stradale.

La notizia si è diffusa in un baleno, lasciando increduli prima, poi attoniti, costernati  commossi, la comunità di Fiorano, quella di Castellarano  i militari dell”Arma e tutti coloro che lo hanno conosciuto.

Il maresciallo Lorenzo Mosto, così  lo chiamavamo ma era diventato Luogotenente, massimo livello raggiungibile, comandante della Caserma di Fiorano, ha perso la vita domenica scorsa, poco dopo le 14, tornando a casa a Castellarano in moto, in uno scontro con un autoveicolo.

Martedì alle ore 19.30, in santuario a Fiorano  recita del Rosario e mercoledì, giornata di lutto cittadino, i funerali alle ore 9.30 in Parrocchiale.

Come ha commentato il sindaco Tosi: “Sapeva unire senza forzature e con singolare equilibrio la ferrea professionalità del suo ruolo ad una forte umanità”. Umanità; la dote che ogni carabiniere dovrebbe avere perché vive con la gente e fra la gente. Cosi faceva Lorenzo Mosto e se si mostrava nelle cerimonie ufficiali a fianco delle autorità per ribadire il ruolo indispensabile delle forze dell’ordine, cosi era riservato nell’affrontare le miserie umane che ci sono in ogni comunità. 

Era benvoluto da tutti e quando pubblicai il post della sua nomina a luogotenente, raggiunsi oltre 7.000 persone, io che normalmente sto sotto il migliaio e senza un solo commento negativo.

Alla moglie Lidia, ai figli Federica e Alessandro le condoglianze di Dabicesidice; loro perdono un marito e un padre che li aveva sempre nel cuore; tutti noi perdiamo un importante punto di riferimento, un servitore dello stato che sentivi vicino e pronto ad aiutarti. 

Caro Mosto, sono sicuro che ora riceverai il giusto premio alle tue fatiche. A noi lasci un grande vuoto; ci sforzeremo di calmarlo ricordando il tuo esempio.

E quando lo incontri salutaci il maresciallo Liguori, anche lui comandante a Fiorano, di quelli di una volta, di quelli che interpretano il loro servizio con umanità.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12