La colpa è nostra

Condividi su i tuoi canali:

None


Quella di Genova è l’ultima disgrazia che ricade su cittadini inermi e innocenti. Sto leggendo sui social invettive contro questo governo, il precedente e quelli passati, arrivando a fare paragoni con i Romani e i loro ponti per acquedotti e i loro viadotti che sono ancora in piedi.

Per non parlare dei vari dibattiti televisivi dove, come sciacalli pronti a contendersi il pezzettino di preda, ogni pseudo opinionista di turno elargisce le proprie perle di saggezza postume e inutili.

Dissento da tutto ciò

La colpa è nostra. Nostra che paghiamo profumatamente con le nostre tasse per la sicurezza stradale e vediamo che le pubbliche vie di anno in anno si trasformano sempre più in carrettiere. Nostra che per un rigore non dato o un calciatore strapagato ci strappiamo i capelli, ma per far valere i nostri diritti anche in questo frangente continuiamo a fare polemica inutile e sterile, nonché spammiamo anche le altrui bacheche con inutili e odiosi “copia e incolla, non condividere!” come se questo potesse essere d’aiuto. O messaggiando privatamente con l’anatema “fallo sapere a tutti i tuoi contatti”. Perché i miei contatti sono stupidi che non sentono le notizie ai vari TG? O non vedono le foto e i video?

Sarebbe più utile una raccolta fondi, una iniziativa di “prendiamoci e andiamo ad aiutare la protezione civile”.

Purtroppo, ripeto, quello di Genova è l’ultima di una lunga serie di tragedie più o meno annunciate e noi paghiamo pedaggi che ci dovrebbero assicurare un viaggio più lineare e sereno rispetto alle strade c.d. normali.

La magistratura e (spero) la giustizia faranno il loro corso, verranno trovati dei responsabili e mi auguro vivamente si vergognino e si rendano conto del danno che hanno provocato ai morti, ai feriti e a tutte quelle persone che si sono trovate con un ponte sul tetto di casa e che per questo avranno l’abitazione rasa al suolo.

Ma noi, che leggiamo e ci ergiamo a giudici cosa stiamo facendo? Perché non pretendiamo che i nostri diritti vengano difesi e tutelati? Noi dovremmo capire come fare per pretendere che queste tragedie siano veramente e puramente frutto di un destino crudele e avverso, non dell’incuria e della negligenza umana.

Noi dovremmo ricevere le informazioni necessarie e farcene carico pretendendo che quanto diamo in tasse e onesto lavoro venga giustamente ricompensato con opere pubbliche manutenute a opera d’arte.

Quindi al momento la colpa è nostra che di tutto questo non abbiamo fatto nulla se non esserci fatti investire da questa orribile notizia di morte e di distruzione.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ad onta dell’art. 21

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”  Diciamo quasi  tutti…dato che  una

La corona di Maria Beatrice d’Este

Nel corso di una solenne cerimonia, la presentazione all’all’ambasciatore di Polonia della corona di Mary of Modena, moglie di re Giacomo II, ultima regina cattolica