La classe non è acqua

Condividi su i tuoi canali:

None

Questo modo di dire, scherzoso ma assai efficace, viene solitamente usato per rimarcare, mettere ulteriormente in evidenza, appunto la classe, quella qualità superiore, di gran pregio, che contraddistingue gli individui e il loro comportamento in qualunque campo dell’attività umana, contrapponendola a qualcosa apparentemente di poco valore, quasi ininfluente si direbbe, come l’acqua…

E così si dice “la classe non è acqua” attribuendo a quest’ultima un valore relativo, volendo appunto intendere che la classe non è cosa facile a trovarsi e tantomeno è qualcosa di poco conto e trascurabile come, in un certo senso, può essere l’acqua e che, soprattutto, la classe fa la differenza.

Certo l’acqua è importantissima, lo sappiamo bene, ma la sua diffusione, la sua innocuità e la sua facilità di reperimento possono farla apparire, nei proverbi e nei modi di dire almeno, come cosa di poco conto. Ennesima bufala dei proverbi, gli stessi che fanno dormire il giusto, facendo sentire “ingiusto” chi, invece, veglia, giudicano cattivi i gattini rossi e virtuose le donne pelose!

Merita poi di spendere due parole il concetto di “classe”.

Scioccamente e superficialmente si dice che ha classe soltanto chi cammina con eleganza, o sa abbinare i vini ai cibi, o sa scegliere un profumo… Non è così.

Soprattutto ha classe un atleta eccezionale, ha classe chi tratta con educazione e garbo i subalterni, ha classe chi con discrezione non ostenta ricchezza, o cultura o bellezza o giovinezza, ha classe chi si ritira con educazione quando perde, ha classe chi riconosce il valore dell’avversario, ha classe chi invecchia con dignità e grazia. Qualità queste deliziose e rare.

E ha classe chi fa con entusiasmo e piacere la sua professione, sia che consigli un vino o aggiusti un rubinetto che perde, sia che insegni l’alfabeto o venda case, o faccia qualunque altra cosa.

Ha classe chi discute per arrivare ad un punto d’incontro con l’interlocutore, e non per abbatterlo e umiliarlo con le sue argomentazioni smaglianti, ha classe chi non disprezza l’altro che non pensa allo stesso modo, ha classe chi non si alza, sbattendo più o meno idealmente la porta, quando ha torto o quando la discussione lo mette in difficoltà. Ha classe chi risponde alle domande, ha classe chi riconosce i propri errori e se ne scusa. Ha classe chi non usa parole volgari ma soprattutto chi non “pensa volgare” cosa assai più penosa e disdicevole di qualche parola salace, talvolta necessaria, liberatoria direi, se usata con parsimonia. Pensare volgare è invece la bassezza del pensiero, che con il turpiloquio poco ha a che fare.

La Rete, Nostra Signora Internet, infine, è la palestra ideale per mostrare di avere classe, o esserne privi.

L’anonimato, la facilità delle comunicazioni, la velocità della pubblicazione, di lettere, interventi, post e quant’altro, sovente prendono la mano, e inducono a passare i limiti, forse anche inavvertitamente.

Questo non solo non è di classe, dato che di questo stiamo parlando, ma non è neppure utile, alla discussione, allo scambio dei pensieri e delle idee, alla “crescita” che comunque avviene grazie ai rapporti umani, vicendevolmente utili e preziosi.

Non siamo isole, siamo parte di un “tutto” dal quale non possiamo, né dobbiamo, staccarci.

Ha classe chi cerca di fare, con dignità, coraggio e volontà, la propria parte, compiendo i doveri del proprio stato, nel privato e nella società civile.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Parte il tour itinerante

Al Castello Montecuccolo a Pavullo nel Frignano (Mo) partirà il tour itinerante della copia della corona di Mary of Modena” in occasione sarà illustrato il

Grande fucile, piccolo cervello

L’attentato a Trump  ha mostrato gli incredibili punti  deboli, le falle nella sicurezza, della più grande democrazia del mondo anche se non sono mancati anche

Concorso Futuri Maestri

Sabato 13 luglio alle ore 18.30, presso Spacegallery di via Bonaccini 11, si è svolta la seconda edizione del concorso Futuri Maestri – Eccellenze creative