La Cgil Emilia Romagna si oppone a chi vuole riportare indietro le lancette della storia dei diritti umani e civili: in partenza per Verona più di 20 pullman

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Verona, da oggi, è sede del “Congresso mondiale delle famiglie” promosso da un insieme di forze oscurantiste che, da tempo e in molti Paesi, attaccano i diritti civili faticosamente conquistati nel secolo scorso.

Con la nostra partecipazione alle tante contromanifestazioni che si susseguiranno a Verona nella giornata di sabato 30 marzo vogliamo salvaguardare e difendere i diritti civili e umani delle donne e degli uomini, la loro possibilità di autodeterminazione nelle scelte sessuali, affettive e familiari.

Vogliamo puntare il dito contro l’omofobia, respingere gli attacchi alla Legge 194, contestare il disegno di legge Pillon che penalizza in primo luogo i bambini e le donne: un impegno di tutti, non solo delle donne!

Saremo in tanti domani, donne e uomini dai diversi territori della Cgil dell’Emilia Romagna, a dar vita, assieme a Cisl e Uil e alle tante associazioni promotrici e aderenti alla giornata di protesta, ad una mobilitazione che non si fermerà a Verona ma continuerà nella nostra pratica quotidiana per affermare i valori della differenza, dell’autodeterminazione e delle libertà personali.

 

Fiorella Prodi

Segreteria Cgil Emilia Romagna

Responsabile Politiche di genere e libertà femminili,

 pari opportunità, nuove identità

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo