La carica dei 28 mila: Expo Elettronica da record

Condividi su i tuoi canali:

None
La carica dei 28 mila: Expo Elettronica da record

 

 

 

Sono state ben 28 mila le persone che tra ieri e oggi hanno varcato l’ingresso di ModenaFiere per visitare Expo Elettronica. La manifestazione, con i suoi 400 espositori e le cinque sezioni tematiche è una della fiere di settore più importanti d?Italia

28 mila ingressi in due giorni: Expo Elettronica è la seconda manifestazione del calendario 2018 di ModenaFiere e in Viale Virgilio ci si augura che questo grande successo sia di buon auspicio per tutte le altre manifestazioni dell’anno.
Con oltre 400 espositori, su una superficie di 17 mila metri quadri Expo Elettronica è una delle manifestazioni di settore più grandi d’Italia, una delle più visitate.
Soddisfatti gli organizzatori, che sottolineano come la formula vincente della manifestazione siano le sue aree differenti e complementari, in grado di incuriosire tipologie di visitatori molto diverse: dall’elettronica al modellismo, dai fumetti ai makers, fino ai videogiochi. 

Pc e periferiche, stampanti 3D, smartphone, tablet, audio e multimedia, lettori e masterizzatori, dvd, decoder digitali e satellitari, videosorveglianza, accessori e materiali di consumo, piccoli elettrodomestici sono solo alcuni dei numerosi prodotti che i visitatori hanno trovato esposti a prezzi molto vantaggiosi, con sconti anche dell’80 per cento rispetto alla normale distribuzione: per questo Expo Elettronica è l’evento più atteso da esperti, informatici, radioamatori, appassionati del fai-da-te ma anche semplicemente da chi è alla ricerca di buone occasioni fra migliaia di articoli di elettronica di consumo e professionale. Per loro l?appuntamento è alla prossima edizione, nel gennaio 2019.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa