La bassa razza dei roditori

Condividi su i tuoi canali:

“…riesce difficile giudicare con indulgenza la defezione di chi del premier, fino a qualche giorno fa, era irresponsabile acritico sostenitore, strenuo difensore, instancabile apologeta…”art. di A.D.Z.

 

A mio modesto avviso, tra gli acquisti a peso d’oro e a colpi di incarichi prestigiosi, attribuiti al premier  dal dicembre 2010, e gli eventuali “”acquisti”” dell’opposizione, di questi giorni, c’è molta differenza.

I primi, i vari Scilipoti, Romano, e via dicendo, folgorati sulla via di Damasco, o di Arcore, hanno effettuato, ad essere maliziosi, delle scelte convenienti, per un vantaggio…ma coloro i quali, tanto per non fare nomi, l’ineffabile Gabriella Carlucci, solo ora, capiscono che  così non va, e si allontanano dal PdL, quando il premier è in grave difficoltà e non solo numerica, lo fanno, sempre a mio parere, per avere un futuro in politica che non avrebbero più se restassero in un partito in difficoltà, come il PdL.

Entrambe le tipologie di parlamentari, a mio avviso, non sono “farina da fare ostie” come direbbe qualche mia ava; ma, almeno, i primi hanno agito in un modo così ingenuamente profittatorio, in una maniera così palesemente clientelare,da fare quasi tenerezza. Scilipoti è felice, Romano è felice, e così tutti quelli che hanno radicalmente cambiato partito (e vita) grazie al passaggio nel centro destra.

Cinicamente si dice che gli essere umani, tutti, abbiano un prezzo.

Non importa che siano in vendita per qualche spicciolo, per qualche incarico, o per qualche impagabile privilegio, quale  l’immunità parlamentare, ad esempio. Costoro appartengono alla tipologia di uomini dei quali la storia umana è costellata, omuncoli che mutano idea e bandiera per trarne vantaggio.

Li compiango.

Quella che mi riesce difficile giudicare con indulgenza, tantomeno di giustificare,invece, è la defezione di chi del premier, fino a qualche giorno fa,  era irresponsabile e acritico sostenitore, strenuo difensore, instancabile apologeta.

Queste persone non possono essersi rese conto all’improvviso di quanto precario sia l’equilibrio, e il futuro, di Berlusconi, quanti guai abbia provocato una gestione assolutamente inadeguata  della crisi, (tuttora negata dal Presidente del Consiglio nella sua reale gravità) né, possono, sempre all’improvviso, essersi rese conto del tempo sprecato in questa legislatura in particolare, trascurando le riforme, bloccando, di fatto, il Parlamento.

Questi “”rinsaviti”” sono le stesse persone che hanno insultato l’intelligenza degli elettori, nonché prostituito la propria, di intelligenza, “credendo” alla nipote di Mubarak, negando l’autorizzazione a procedere per Romano, arzigogolando leggi e leggine ad personam.

Questi “rinsaviti”, a mio avviso, sono peggiori degli omuncoli inebriati dal profumo degli euro, di quelli appagati da un sottosegretariato o un ministero, oppure di altri, eccitati dall’impunità… omuncoli che hanno bellamente “mollato” i partiti d’origine per confluire nel centro destra, compagine  esecrata  fino a un giorno prima.

I rinsaviti dell’ultim’ora appartengono, invece,  alla bassa razza dei roditori, quelli che abbandonano la nave quando sta per affondare, pronti a salire su qualsiasi altro mezzo, non importa quale…Concludo, precisando che del tutto volontariamente ho omesso di anteporre il titolo “onorevole” davanti ai nomi citati.

La crisi economica e la situazione politica, in continuo divenire, sono il tema dominante  di questo numero del giornale.

Gradito, più di sempre, il ritorno di Dieffe, con il suo  articolo “La peggiocrazia figlia della nostra ignavia””.

Alex Scardina firma  l’amaro “Vieni avanti, Cretino”…che, solo a fine lettura,  farà capire chi siano davvero i cretini.

Andrea Galli,del Gruppo Consiliare PdL, commenta la notizia del giorno, ossia l’ “”Uscita della Bertolini dal PdL””, firmando l’articolo omonimo.

La fine del ciclo berlusconiano trova motivazioni diverse, nell’articolo  “Spiegazione su tre livelli“  del Sen. Paolo Danieli.

La Preda Ringadora, infine, riprende il tema annoso delle malattie che cli extracomunitari hanno riportato sul nostro territorio, in questo caso si parla del pericolo della malaria.

Buona settimana, buona lettura del n. 297

 

A.D.Z.

© Riproduzione Riservata

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo