Kyenge “Rapporto “Essere neri nell’Ue” evidenzia crescita odio razziale”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Nota dell’eurodeputata modenese del Pd Cècile Kyenge sul report dell’Agenzia europea

 

 

“Il rapporto europeo “Essere neri nell’Ue” evidenza la crescita dell’odio razziale”: l’eurodeputata modenese del Pd Cécile Kyenge ha ospitato al Parlamento europeo il lancio del report dell’Agenzia europea dei diritti fondamentali dell’Unione Europea sull’afrofobia.

 

 

“Dobbiamo riconoscere che l’Europa sta cambiando il proprio volto. L’Europa deve trovare nuova linfa vitale dal pluralismo e dal multiculturalismo che caratterizza la società per opporsi al razzismo crescente. I crimini dettati dall’odio razziale sono l’espressione più meschina della discriminazione perché abusano apertamente della dignità umana su base etnica”. Lo ha detto l’eurodeputata modenese del Pd Cécile Kyenge che ha ospitato al Parlamento europeo il lancio del report della Agenzia europea dei diritti fondamentali dell’Unione Europea sull’afrofobia dal titolo: “Essere neri nell’UE”. Il report analizza, tramite sondaggi, quali sono le maggiori discriminazioni che gli europei neri subiscono ogni giorno in Europa. Violenze, discorsi d’odio, insulti razzisti per il colore della pelle o per la nazionalità: il sondaggio rimarca il fatto che oltre il 30% dei neri in Europa ha subito forme di discriminazione. Preoccupante è che i giovani sono tra i più vulnerabili e i meno integrati nella società. “Nonostante il dato sia allarmante, troppo poche risultano le denunce alle organizzazioni e istituzioni competenti da parte delle vittime”, ha continuato Kyenge. “Si tratta di una piaga che va combattuta e debellata. Non è solo una lotta contro la violenza fisica o verbale, ma anche una battaglia per garantire uguali opportunità. Spesso, infatti, la discriminazione include l’accesso alla casa, l’istruzione, la sanità, l’accesso al lavoro, l’umiliazione in luoghi pubblici, l’esclusione sociale. Senza dimenticare un altro punto importante sul tema: troppo spesso si verificano casi di fermi di polizia per l’etnia e la nazionalità definiti come Ethnic Profiling”. Kyenge ha poi concluso: “Oggi, grazie al report della Fundamental Rights Agency ed alla collaborazione con il Parlamento europeo e l’intergruppo antirazzista ARDI, abbiamo finalmente una chiara idea di quanto il fenomeno dell’afrofobia sia vasto e in crescita. Continua quindi il nostro lavoro per un nuovo orizzonte pluralista, multiculturale, equo e rispettoso. Una via per costruire un’Europa dove non ci sia più spazio per il razzismo”.

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Studi sul boro alle Salse di Nirano

Per valutare quanto l’elemento prodotto dai vulcani di fango incida sull’arricchimento delle falde acquifere del territorio. Il Comune di Fiorano Modenese ha stipulato un nuovo