Kyenge, domani 3 maggio fra Castelfranco Emilia, a Modena al Presidio Democratico Antirazzista Antifascista promosso da CGIL in concomitanza con la visita del Min. Salvini e Cesena

Condividi su i tuoi canali:

None

Domani 3 maggio Cécile Kyenge fra Castelfranco Emilia, Modena e Cesena

 

Cécile Kyenge, ex Ministra per l’Integrazione, già europarlamentare (Pd), candidata alle prossime elezioni europee per la circoscrizione Nord Est, sarà domani a Castelfranco Emilia dalle ore 11, per un  passaggio al banchetto del PD in Corso Martiri e un giro del mercato. Alle ore 14 si sposterà a Modena, al Presidio Democratico Antirazzista Antifascista promosso da CGIL Modena con l’adesione di ANPI, ARCI, Rete degli Universitari, Rete degli studenti medi, Unione degli Universitari, in Piazza Mazzini, in occasione della visita del Ministro dell’Interno Salvini prevista per le 14.30 in città.

 

In serata, alle ore 20, l’On Kyenge si sposterà a Cesena per un saluto alla presentazione del libro di Rolando Rizzo ”Marmellata di Prugne Gialle” organizzato dalla Chiesa cristiana avventista. Intervengono: Cécile Kyenge; Ines Briganti, Istituto Storico della Resistenza; Edoardo Preger, Sindaco della precedente amministrazione di Cesena.

  

 

Dalle ore 21 è in programma l’ evento dei giovani democratici GD di Cesena per le elezioni europee dal titolo “ Repubblica d’Europa” alla Sala Conferenze AVIS in Via Serraglio 4. Con Cécile Kyenge interverranno Davide Mattiello, Presidente della Fondazione “Benvenuti in Italia” ed autore del libro “La Repubblica d’Europa – Oltre gli Stati Nazione”; Maria Laura Moretti, Segretaria PD Cesena. L’iniziativa vuole porre l’accento sul futuro dell’Unione Europea auspicando una sempre più forte unione politica dell’Europa.

 

 

ufficio stampa Silvia Bonacini 3472265739

 


 

kyenge.jpg (179 Kb)
 

Download

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle