KIRA E ISOTTA

Condividi su i tuoi canali:

None

Uccise da mano ignota Kira e Isotta il 1 Agosto 2020 , i miei amatissimi cani, con tre topicidi introdotti nell’abitazione a Solignano di Castelvetro

 

In data 1 Agosto con la sofferenza indicibile di due giorni, sono decedute entrambi i miei amori di cani, Kira , Golden Retriever di 8 anni in perfetta salute e Isotta Ladrador sanissima di 7 anni, a seguito  della ingestione di : Bromadiolone, Brodifacoum, Difenacoum in miscela fra loro, tre potenti Rodenticidi utilizzati per uccidere i topi, di libera vendita anche su Internet o reperibili presso allevamenti  o negozi.

I topicida sono stati probabilmente gettati all’interno dell’abitazione da mano criminale con l’intento di porre fine alla loro vita, in modo inspiegabile perché non esistevano lamentele di nessun tipo, pericoli o altro.

Il fatto che una mano esterna abbia introdotto dentro la proprietà privata, in una  strada abitata con 11 cani in 30 metri,  una miscela di tre sostanze e non una come solitamente dovrebbe avvenire, fa presupporre che il criminale sia un profondo conoscitore del meccanismo d’azione soprattutto del Brodifacoum, pochi grammi uccidono un cane di 50 kg , altrimenti con i classici veleni rodenticidi difficilmente si produce la morte in quanto vi sono segnali analitici importanti e risolvibili farmacologicamente.

Il movente ad oggi resta inspiegabile, di certo esiste il cadavere, la sostanza che ha ucciso, mancano la mano esecutrice e la mente di tutto questo, che potrebbero essere diverse.

Uccidere due cani come Kira e Isotta rende il criminale certamente un dissociato, privo di qualunque rispetto per la vita e disponibile a toglierla in qualsiasi momento a qualsiasi animale e non solo, purtroppo oserei dire.

Certo se l’intento era di procurare dolore a tutta la famiglia, l’obiettivo è stato raggiunto, se l’obiettivo era di ucciderle , l’obiettivo è stato raggiunto , resta una incognita il PERCHE’, inspiegabile sia dal punto di vista della mia precedente attività di consigliere comunale, terminata da due anni, sia per rancori serpeggianti.

Certo resta una fredda indagine della Procura , l’interessamento del comando della Polizia Municipale di Castelvetro, dei Carabinieri, al fine di risalire a chi può aver commesso un tale crimine.

Essendo stato formalizzato da principio l’atto autoptico in base alle normative vigenti sull’avvelenamento dei cani, con risultato purtroppo positivo , tutte le istituzioni sono state allertate d’ ufficio, dalle ASL alla Procura, e dato che il crimine perpetrato ha risvolti di pura malattia mentale, certamente l’attività di indagine sarà scrupolosa in quanto il veleno è stato introdotto all’interno dell’area cortiliva o della abitazione, con i rischi correlati, e si potrebbe verificare di nuovo in seguito.

Certamente chi ha fatto questo vive in un suo mondo di “bestie” e “umani”, confondendo chi sono le bestie con chi sono gli umani, nel delirio psicotico/ dissociativo di essere in grado di dare e togliere la vita a propria discrezione come punizione impartita, senza alcun rimorso, utilizzando il dolore provocato come linfa per il proprio cervello malato, incapace di sentire, vedere e amare la natura di cui fa parte.

Consiglio a tutti quanti avranno la mia stessa disavventura di utilizzare tramite il proprio veterinario il nuovo programma di mappatura nazionale degli avvelenamenti, ma appare evidente che occorra una nuova normativa in materia di veleni e alla loro cessione , vista la presenza di molecole con questo grado di aggressività.

 

 

 

 

 

Dott. Monfredini Roberto

Medico Veterinario e perdutamente innamorato di Kira e Isotta 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

**NOI CONTRO LE MAFIE**

Incontro con GIUSEPPE ANTOCI Venerdì 10 febbraio ore 21 Istituto Alcide Cervi via Fratelli Cervi 9 – Campegine (RE) conduce Pierluigi Senatore Giuseppe Antoci, ex