Ius soli Bologna: Caliandro (Pd), “Massimo sostegno a Lepore: azione necessaria di civiltà”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

Il consigliere dem punge il centrodestra: “Proteste fuori dal mondo, stop a strumentalizzazioni del tema per cavalcare paure”

 

Bologna, 18 febbraio 2022 – “La decisione del sindaco di Bologna, Matteo Lepore, di voler introdurre lo ius soli, dando la cittadinanza onoraria ai bambini nati in questa città, è un’azione necessaria di civiltà e tutela dei diritti e la sostengo con passione e grande convinzione”. Lo sottolinea il consigliere regionale del Pd, Stefano Caliandro. “Si tratta di un segnale importante non solo per la città ma per tutto il Paese – evidenzia -, perché Bologna può fare da apripista, e non sarebbe la prima volta, proprio per una futura legislazione nazionale in materia e per una battaglia di civiltà in questo caso non più procrastinabile.

“L’atteggiamento del centrodestra che sale sulle barricate, con improbabili azioni di protesta – critica Caliandro -, è completamente anacronistico e fuori dal mondo, oltre che strumentale ad alimentare l’insicurezza dei cittadini, associandola al fenomeno migratorio”. “Chi nasce in Italia – scandisce il consigliere dem – deve essere cittadino del nostro Paese e far parte della nostra comunità. Solo attraverso la strada della coesione e dell’inclusione si possono eliminare tensioni sociali e insicurezze ed è ora che anche il centrodestra lo capisca e smetta di cavalcare, attraverso il populismo, paure e fragilità dei cittadini”.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo