Irrigazione: dopo le piogge le condizioni dei campi migliorano

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

 

Il Garda passato da 54,4 a 59 centimetri sullo zero idrometrico. Valori che permetteranno il normale prelievo d’acqua da parte dei Consorzi

 

Mantova – 25 luglio 2017 – Un momento di ristoro alla crisi idrica in tutt’Italia grazie alle ultime piogge di queste ore. Se per il Consorzio di Bonifica Territori del Mincio questa è stata un’annata irrigua particolarmente difficile (complici alte temperature e la poca piovosità), grazie al lavoro e l’impegno degli operatori della Bonifica e degli agricoltori si è riusciti a fare fronte all’irrigazione che, in queste ore, è nell’apice della sua stagionalità.

 

“Le piogge cadute nelle ultime ore con una media di 10-15 mm d’acqua, – spiega Elide Stancari, presidente del Consorzio di Bonifica Territori del Mincio –   hanno portato un po’ di ristoro nei campi di tutto il comprensorio. Il picco dell’irrigazione, che tradizionalmente avviene tra le due ultime settimane di luglio e la prima d’agosto, si avvia alla conclusione. Fortunatamente, la pioggia caduta, portato sollievo alle colture, e l’abbassamento delle temperature, che ha ridotto l’evapotraspirazione delle piante, la situazione è migliorata”.

 “Il lago di Garda ora è a quota 59 cm sopra lo zero idrometrico, mentre ieri era di 54,4 cm  – conclude il presidente -. Grazie alla pioggia caduta, l’acqua che esce dal lago, destinata ai comprensori del Consorzio di Bonifica Territori del Mincio e del Consorzio di Bonifica Garda Chiese, è stata ridotta da complessivamente da 72 a 65 metri cubi al secondo. L’irrigazione è tuttora in atto”.

 

 

 

 

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...