Ipertermia oncologica questa sconosciuta

Condividi su i tuoi canali:

None

Un aiuto non disponibile per i malati di cancro in Emilia-Romagna terra delle eccellenze mediche

L’ipertermia oncologica è una terapia di supporto per i malati di cancro.

Quasi nessuno pare conoscerla in Emilia-Romagna, ma non è una cura da stregoni: è infatti riconosciuta dal Sistema Sanitario Nazionale ed è riportata nel Nomenclatore Sanitario col codice 99.85.

Essa consiste nel riscaldare i tessuti malati attraverso onde elettromagnetiche e dev’essere intesa come terapia coadiuvante dei trattamenti chemio e radioterapici tradizionali, oltre ad essere indicata prima degli interventi chirurgici per l’asportazione dei tumori.

Non ha in genere controindicazioni, è ben tollerata e sfrutta il principio, che pare fosse noto già agli antichi Egizi, secondo cui le cellule ammalate, se portate a temperature intorno ai 42°-43° tendono a morire, mentre quelle sane no.

L’attività di chemioterapici e radiazioni radioterapiche è facilitata e le reazioni biochimiche alla base del loro funzionamento sono potenziate dal trattamento col calore.

Inoltre l’ipertermia colpisce cellule neoplastiche differenti da quelle che ci si prefigge di distruggere con chemio e radioterapia.

Da molti anni l’ipertermia è praticata in varie regioni italiane in centri privati, ospedalieri e convenzionati: tanti malati ne hanno sperimentato gli effetti positivi.

In Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Puglia, perfino in quella Campania alla quale abbiamo smaltito i rifiuti perché non attrezzata per farlo da se’, i malati di cancro possono contare su strutture dove poter sottoporsi a questa terapia coadiuvante.

In Emilia-Romagna, e a Modena in particolare invece, tante volte citate per l’eccellenza delle strutture sanitarie, in cui si arrivano a spendere 12 milioni di euro in pochi anni per dare assistenza sanitaria ai clandestini, i nostri malati di tumore non possono contare su nessun centro di ipertermia.

Non solo non si riesce ad acquistare una macchina da 200.000 euro, infatti: spesso tale terapia pare venga nascosta ai pazienti (o ignorata) da medici evidentemente troppo poco informati per ritenerla efficace.

Tutto ciò ha dell’incredibile in una regione all’8° posto in Italia per pressione fiscale e in cui sono stati spesi 12 MLN di euro in sei anni per dare assistenza sanitaria a clandestini: appare doveroso fornire anche ai nostri malati di cancro, che spesso non possono sostenere spostamenti per recarsi in altre regioni, o che non riescono a reggere i costi della terapia ipertermica presso centri privati, questa possibilità.

E pensare che sarebbe sufficiente, a Modena, utilizzare i fondi raccolti dall’Associazione Angela Serra, magari integrandoli con una donazione di qualche Ente o imprenditore generoso.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo