Interrogazione su LAV

Condividi su i tuoi canali:

None

Modena, 12 febbraio 2013

 

 Al sindaco del Comune di Modena

Al Presidente del Consiglio comunale di Modena

 

 

Oggetto:  la LAV fa uso improprio del patrocinio concesso dal Comune di Modena

 

INTERROGAZIONE

 

premesso

 

– che il Comune di Modena con Deliberazione di Giunta n. 154205, del 23/11/2004, relativa all’“iniziativa di informazione e sensibilizzazione nelle scuole, nell’ambito della gestione della fauna urbana – concessione di patrocinio e di contributo alla lega antivivisezione (L.A.V.)” ha concesso il patrocinio dell’Assessorato Politiche Ambientali e l’erogazione di un contributo di  Euro 7.250,00 alla L.A.V.;

– che la concessione del patrocinio e del contributo economico da parte del Comune alla L.A.V. era finalizzata alla preparazione di materiale didattico per insegnanti ed alunni a supporto degli incontri che i volontari dell’Associazione effettuavano da alcuni anni nelle classi delle scuole elementari, medie e superiori presentando un progetto “Animali Amici Miei – Conoscerli per amarli e rispettarli”;

che una delle proposte didattiche della L.A.V. per la scuola dell’obbligo consiste in una cartella “Il circo è divertente ma non per tutti!!!” contenente un volantino e varie schede contro l’uso degli animali nei circhi, in cui gli animali vengono presentati come seviziati e maltrattati;

 

                                             considerato

 

che  la cartella e il  volantino riportano i loghi dei Comuni di Formigine e Modena e degli UDA (uffici diritti animali) dei medesimi Comuni;

– che il frontespizio della carpetta riporta l’art. 10 della Dichiarazione Universale dei diritti dell’Animale: “ Nessun animale deve essere usato per il divertimento dell’uomo”, considerando in questa ottica solo gli animali nei circhi;

– che molti però sono gli animali domestici impegnati in attività di divertimento che richiedono addestramento (cani da caccia, da tartufo, cavalli per equitazione, corse, ecc.) o  utilizzati per compagnia, a volte anche tenuti in cattività ( uccelli e criceti in gabbia, pesci, ecc.);

                                                      

                                                   ritenuto

 

– che siano sempre da garantire la tutela e il rispetto degli animali, ma che non si debba generalizzare o peggio banalizzare;

– che diversamente da quanto anticipato dalla proposta introduttiva inserita nella cartella didattica della L.A.V.: “Far trovare ai ragazzi stessi risposte alle argomentazioni a favore dell’uso degli animali nei circhi…”, le schede utilizzate siano tendenziose  e finalizzate a far credere che in tutti i circhi gli animali siano maltrattati ( v. scheda n° 4: storia Peter, Tobias e il Circo Cipolla);

– che  la soluzione non sia eliminare gli animali dal circo, ma vigilare perché ciò non avvenga;  

 

                                                      rilevato

 

– che il 5 e 6 gennaio 2013, all’inizio degli spettacoli pomeridiani, gli attivisti della L.A.V. hanno effettuato una protesta davanti al circo Romina Orfei distribuendo il volantino del suddetto modulo scolastico formativo e ostacolando l’ingresso degli spettatori al circo, che peraltro non ha né leoni né elefanti, ma esegue numeri solo con animali domestici (cavalli, cani e capretta);

 

                                                  preso atto

 

– che i volontari della L.A.V. non hanno il diritto di sabotare l’attività circense con animali che è tutelata dalla legge;

– che la L.A.V.  non era autorizzata ad utilizzare il volantino patrocinato dal Comune al di fuori delle sedi scolastiche a cui era finalizzato;

 – che a tal proposito l’assessore Arletti dichiarava sulla Gazzetta di Modena del 12 gennaio: “L’amministrazione comunale non ha dato nessun appoggio e non era al corrente di nessuna iniziativa di protesta svoltasi il 5 e 6 gennaio scorsi, tanto meno un volantinaggio, davanti al circo Romina Orfei”;

 

INTERROGA

 

la Giunta comunale per conoscere:

 

– se non intenda diffidare la L.A.V. per l’uso improprio del volantino pubblicato in collaborazione col Comune;

– se non intenda sanzionare la L.A.V. per volantinaggio su suolo pubblico senza autorizzazione;

– se non ritenga opportuno rivedere con l’assessorato competente all’istruzione il contenuto del materiale didattico distribuito agli alunni della suola dell’obbligo affinché possa davvero rispondere alle finalità educative previste dal progetto: “Animali Amici Miei” e non fornire informazioni inesatte e distorte.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...