Interrogazione a risp. scritta del gruppo M5S – situazione delle seguenti strade Via Bodoni e Via Manin

Condividi su i tuoi canali:

None

 

PROTOCOLLO GENERALE n° 114988 del 04/04/2022 (P.E.C.)

 

al Sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli

                               al Presidente del Consiglio Comunale, Fabio Poggi

 

e P.C.  Giunta del Comune di Modena

                               Consiglieri comunali del Comune di Modena

 

 

                                                                                                                      Modena, 31 marzo 2022

 

 

INTERROGAZIONE SCRITTA

 

Oggetto: situazione delle seguenti strade: Via Bodoni e Via Manin

 

Premesso che:

  • alcuni cittadini segnalano che da qualche tempo Via Bodoni e Via Manin, site nel territorio del Comune di Modena nel Quartiere della Sacca, sono chiuse da un cancello, oltre il quale le strade proseguono ma all’interno di uno stabilimento industriale;
  • in tal modo il collegamento tra Via Bodoni e Via Manin è inibito ai cittadini e il relativo transito è consentito solamente a chi si trova all’interno dello stabilimento industriale in questione;
  • i cittadini hanno altresì segnalato come da qualche tempo il punto di raccolta dei rifiuti sia stato spostato da Via Manin a Strada Canaletto, obbligando i residenti della prima Via che devono smaltire i rifiuti domestici a recarsi nella seconda strada;
  • dai documenti pubblicati sul sito internet del Comune (nella pagina dedicata al Settore Urbanistica) risultano cartografie in cui Via Manin e Via Bodoni sono chiaramente collegate, senza alcuna soluzione di continuità e senza alcun blocco che inibisca il passaggio diretto da una via all’altra (doc. 1: Delimitazione perimetro dei centri abitati – Definizione e classificazione delle Strade);
  • nello Stradario, pubblicato nella pagina dedicata alla Toponomastica del Sito internet del Comune di Modena risulta chiaramente questa dicitura: “MANIN Daniele (Via) Lunghezza: 211 m. Codice: 3070 C.A.P.: 41122 Patriota (1804-1884). Inizia dal lato destro della strada Canaletto Sud, dopo l’incrocio con via Delle Suore e di fronte a via Anderlini. Termina, dopo una curva a sinistra, su via Bodoni. (Q15-R15)” (doc. 2):

 

SI INTERROGANO IL SINDACO E L’ASSESSORE COMPETENTE PER SAPERE:

 

  • quale sia lo status giuridico di Via Manin e di Via Bodoni, ivi compreso il tratto che è intercluso tra i due cancelli, posti su entrambe le vie, i quali inibiscono il libero passaggio ed il libero transito nel relativo tratto (strada privata, strada pubblica, strada privata ad uso pubblico, ect.);
  • se lo status giuridico attuale sia sempre stato il medesimo, ovvero se sia cambiato nel corso degli anni e, in quest’ultimo caso, in base a quale provvedimento e rispondendo a quali interessi pubblici;
  • nel caso in cui le strade, o parte di esse, siano di proprietà privata, chi sia il proprietario e in base a quale titolo giuridico;
  • a chi spetti la manutenzione sia del tratto delle due strade ricompreso tra i due cancelli, sia del tratto di strada immediatamente prospiciente ai cancelli;

 

I consiglieri firmatari

                                                                                         Giovanni Silingardi

                                                                                         Andrea Giordani

                                                                                         Enrica Manenti

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati