Interrog. PerMeModena – Quali difficolta’ applicazione nuovo Regolamento dehors

Condividi su i tuoi canali:

None

INTERROGAZIONE

 

OGGETTO: Quali difficoltà ha trovato l’applicazione del nuovo Regolamento dei dehors?

 

Premesso:

 

  • Che l’anno scorso il Comune ha approvato il nuovo Regolamento dei dehors;

 

Considerato:

 

  • che nel periodo della “bella stagione” i dehors sono spazi che permettono di godere della città, di fruire di spazi di socializzazione e,  agli esercizi, di offrire un servizio migliore.

 

Visto:

 

  • che da quanto è stato segnalato da alcune decine di esercizi, ci sono  ritardi e ostacoli burocratici sulle autorizzazioni;
  • che un ritardo nelle autorizzazioni comporta una serie di disagi, fra i quali; danno economico, difficoltà di programmazione sulla presenza del personale e delle iniziative; di conseguenza, ciò comporta una peggiore fruibilità della città;
  • Che ritardi sulle autorizzazioni non permettono di ottenere nei tempi altri permessi come l’autorizzazione d’impianti acustici, con potenziali rischi di sanzioni.

 

Si chiede al Sindaco e all’Assessore competente:

 

  • Quali sono gli ostacoli che trova il nuovo Regolamento;
  • Quali sono i tempi per ottenere un permesso;
  • Quali problemi e tempistiche pone la Sovrintendenza;
  • Quali osservazioni sono state poste dalle associazioni di categoria.

 

                                                                                                                      Firma

Marco Chincarini

 

 

Domenico Campana

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo