.INSIEME PER LA GIUSTIZIA, SCIOPERO GENERALE CGIL E UIL IL 16 DICEMBRE

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

 

 

Ci saranno anche molti modenesi alle manifestazioni che si terranno in occasione delle sciopero generale del prossimo 16 dicembre “Insieme per la giustizia” proclamato da Cgil e Uil dopo le insufficienti risposte del Governo alla piattaforma unitaria presentata dai sindacati nel percorso di confronto dei mesi scorsi.

Oltre un migliaio tra lavoratori/trici e pensionati/e parteciperanno da Modena il 16 dicembre, confluendo in parte alla manifestazione di Milano, in parte su quella di Roma (le altre tre manifestazioni sono Bari, Palermo e Cagliari).

Lo sciopero è stato dichiarato in continuità con la mobilitazione dei mesi scorsi a sostegno delle proposte del sindacato su fisco, pensioni, scuola, politiche industriali e contrasto alle delocalizzazioni, contrasto alla precarietà  del lavoro soprattutto di giovani e donne, della non autosufficienza, “tanto più alla luce delle risorse, disponibili in questa fase, che avrebbero consentito una più efficace redistribuzione della ricchezza, per ridurre le diseguaglianze e per generare uno sviluppo equilibrato e strutturale e un’occupazione stabile” affermano Daniele Dieci segretario Cgil Modena e Luigi Tollari segretario Uil Modena e Reggio Emilia.

 

“La legge di bilancio e i provvedimenti messi in campo non danno risposte sufficienti. Vogliamo cambiamenti concreti per lavoratrici e lavoratori, pensionati e pensionate, giovani, donne e per rafforzare la coesione sociale e territoriale” continuano Dieci e Tollari.

Cgil e Uil chiedono di contrastare la precarietà e garantire occupazione stabile a partire da giovani e donne. Un intervento fiscale equo per i redditi bassi e medio bassi e per maggiore redistribuzione e progressività. Una seria lotta all’evasione fiscale. Una riforma delle pensioni che consenta flessibilità in uscita, facilitando chi fa lavori gravosi e i lavoratori precoci, prevedendo la pensione di garanzia per i giovani e la valorizzazione del lavoro di cura. Per la scuola pubblica chiedono di potenziare un sistema di istruzione di qualità a partire dalla stabilità del lavoro. Servono nuove politiche industriali per affrontare la transizione ecologica e digitale, e serve dare soluzioni alle crisi industriali, contrastando le delocalizzazioni e con un ruolo forte e protagonista dello Stato. Ma anche aumentare le risorse per la sanità e per stabilizzare il personale, approvare la legge sulla non autosufficienza e aumentarne le risorse, ridurre le disuguaglianze a partire dal Mezzogiorno, perché coesione sociale significa non lasciare indietro nessuno.

L’appello di Cgil e Uil è dunque quello di aderire allo sciopero e alle manifestazioni per mobilitarsi insieme per la giustizia.

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria