Infrastrutture. Tagliaferri (Fdi): piano straordinario per i ponti sul Po col Recovery Fund

Condividi su i tuoi canali:

None

Il consigliere chiede a Regione e Governo di inserire le infrastrutture che collegano le due sponde del fiume nelle opere su cui investire le risorse europee
 

I fondi del Recovery fund per un piano straordinario di manutenzione dei ponti sul Po. A chiedere alla Regione di intervenire sul governo affinché parte dei contributi europei venga destinata alla manutenzione delle infrastrutture viarie e ferroviarie, molte delle quali con problemi di sicurezza e di trascuratezza, che collegano le due sponde del Po è un’interrogazione del consigliere Giancarlo Tagliaferri (Fdi), che interroga la Giunta per sapere “”se intenda concordare con il governo, la Regione Lombardia e gli enti gestori dei manufatti un percorso condiviso in termini di tempi, modalità, finanziamenti necessari per la programmazione e realizzazione degli interventi per la risoluzione delle croniche criticità degli attraversamenti del fiume Po; se intenda valutare, compatibilmente con le disponibilità di bilancio, la possibilità di stanziare adeguate risorse per cofinanziare gli interventi necessari per la messa in sicurezza, il ripristino o la realizzazione di nuovi ponti sul Po e se intenda concordare con l’esecutivo nazionale l’inserimento, fra i progetti da finanziare con i fondi previsti dal Recovery Fund, anche eventuali integrazioni inerenti alla manutenzione e alla riqualificazione dei ponti che attraversano il fiume Po””.

(Luca Molinari)

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Assuefazione, quasi rassegnazione

La rassegnazione non è una virtù. Per lo meno  non lo è certamente dinnanzi  a fenomeni che stanno prendendo sempre più spazio nella nostra società

La Sardegna non crei illusioni

Le elezioni in Sardegna sono state vinte dal centrosinistra o perse dal centrodestra? La domanda ha un senso perché nel primo caso, può significare l’inizio di