INFORTUNIO MORTALE CAMPOSANTO, LO SPI CGIL AREA NORD ESPRIME CONDOGLIANZE AI FAMILIARI

Condividi su i tuoi canali:

None

INFORTUNIO MORTALE CAMPOSANTO, LO SPI CGIL AREA NORD ESPRIME CONDOGLIANZE AI FAMILIARI ED È AL FIANCO DEI LAVORATORI CHE STANNO SCIOPERANDO PER LA SICUREZZA

 

 

Ancora una volta una donna perde la vita mentre svolge le sue mansioni di lavoratrice.

 

Lo Spi-Cgil Area Nord  esprime le più sentite condoglianze alla famiglia di Laila El Harim, morta  mentre era al  lavoro presso la ditta  Bombonette di Camposanto; ma nel contempo esprime solidarietà e vicinanza anche a tutte le lavoratrici e a tutti i lavoratori Dell’Area  Nord che in questo momento scioperano e manifestano per quanto è accaduto e rivendicano più sicurezza e controlli nei posti di lavoro.

 

Casi come questi si verificano quasi quotidianamente , lo Spi-Cgil sarà  sempre , anche in futuro, a fianco dei lavoratori per sostenere il diritto al lavoro, al lavoro dignitoso,  al lavoro sicuro

per evitare che altre vittime escano di casa la mattina e non facciano più ritorno alle proprie case alle proprie famiglie, ai propri affetti.

 

Siamo sicuri che tutti assieme, con l’impegno, la solidarietà, e la lotta ,  riusciremo a sconfiggere questa piaga che affligge il nostro Paese: un altro modo di lavorare è possibile!.

 

SPI-CGIL

Area Nord

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo