Incontro con i genitori sulla sicurezza in Rete

Condividi su i tuoi canali:

None

INCONTRO CON I GENITORI SULLA SICUREZZA NELLA RETE

Si terrà martedì 30 marzo online, ma le prenotazioni sono già attive

 

Il percorso “Internet Sicuro e Cyberbullismo” dell’associazione Civibox ha coinvolto, negli ultimi anni, oltre 20.000 studenti in tutta la provincia di Modena, ed è stato portato nelle scuole elementari, medie e superiori.

Dopo la tappa presso la Scuola secondaria di primo grado “A. Fiori” di Formigine, un’iniziativa in particolare sarà allargata a tutti i genitori che vorranno partecipare.

Si tratta dell’incontro con Gianluca Dotti, giornalista specializzato in scienza e tecnologia, in programma per martedì 30 marzo alle 18 su Google Meet. Le prenotazioni sono già attive: è sufficiente scrivere a info@civibox.it indicando nell’oggetto della email la data dell’evento e il proprio nome e cognome. Seguirà una email di risposta con il link per partecipare all’incontro.

Gli incontri con i genitori rendono partecipi e consapevoli le famiglie di quanto svolto  in classe con gli studenti e, più in generale,  si danno agli adulti strumenti per dialogare con i ragazzi e allo stesso tempo riappropriarsi di un ruolo di guida, anche sui temi della rete. Vengono infine illustrati strumenti tecnici di controllo, Parental Control, eseguibili su vari devices.

L’evento è organizzato dall’Assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Formigine nell’ambito dei progetti di qualificazione scolastica e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna.

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle