Inaugurazione monumento a Pavarotti

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Inaugurazione statua Pavarotti: sono CONTENTO per l’omaggio al Maestro, STUPITO perchè per averlo abbiamo dovuto attendere ce lo regalassero, DISPIACIUTO per l’occasione persa

 

 

Oggi andrò all’inaugurazione della statua di Pavarotti, contento per questo seppur tardivo omaggio, stupito perchè per averlo abbiamo dovuto attendere ce lo regalassero ( noi da soli, per reddito nelle prime 10 città italiane, evidentemente non potevamo permettercelo mentre Pietrasanta si’), dispiaciuto per l’ennesima occasione persa.

 

Non entro nel giudizio sulla qualità dell’opera ma avevo proposto in tempo utile di fare un CONCORSO D’IDEE  a livello internazionale per avere un Progetto consono all’importanza del soggetto e, perchè no?, all’importanza della città.

 

La formazione di un apposita commissione, la presentazione dei progetti, la ricerca di sponsor avrebbero garantito la ribalta della notizia per lunghissimo tempo sugli organi d’informazione di tutto il Mondo con notevolissime ricadute economiche; in 10 anni non l’abbiamo fatto ed oggi dobbiamo ringraziare Pietrasanta che ce l’ha regalato.

 

Per essere “Signori” non è sempre necessario avere i soldi, a volte può bastare la consapevolezza della propria Storia; non sono stupito di questa occasione sprecata. Dispiaciuto, sì.

                                                                                         (Forza Italia)

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria