In Regione il ricordo di Don Benedetto Richeldi, Giusto fra le Nazioni

Condividi su i tuoi canali:


Il sacerdote, insignito della medaglia di Giusto per aver salvato numerosi ebrei, sarà ricordato nel corso della seconda edizione del convegno dedicato ai Giusti dell’Emilia-Romagna. A fare gli onori di casa la presidente dell’Assemblea legislativa Emma Petitti e la vicepresidente Silvia ZamboniRicordo in Assemblea legislativa di Don Benedetto Richeldi, insignito della medaglia di Giusto fra le Nazioni per aver salvato numerosi ebrei durante il secondo conflitto mondiale, ed esposizione dell’onorificenza custodita dal Comune di Finale Emilia, in provincia di Modena.L’appuntamento è per giovedì 16 marzo, alle ore 10.30, nella sede di viale Aldo Moro 50, in occasione della seconda giornata dei “Giusti in Emilia-Romagna. I non ebrei che salvarono gli ebrei” quando verranno ricordati altri “Giusti” dopo l’analoga iniziativa del 6 marzo scorso quando venne presentato “I Giusti in Emilia-Romagna”, il volume curato da Vincenza Maugeri e Caterina Quareni. A fare gli onori di casa saranno la Presidente dell’Assemblea legislativa Emma Petitti e la vicepresidente Silvia Zamboni.Don Benedetto Richeldi, parroco di Finale Emilia, e dal 1943 trasferito a Massa Finalese quale coadiutore del parroco don Cleto Bellei, costituì una rete di aiuto con la collaborazione di altri cittadini finalesi e organizzò il salvataggio di dieci ebrei stranieri che si trovavano in regime di internamento libero a Finale. Inoltre, fornì aiuto e fece espatriare gli ebrei italiani Felice e Rodolfo Bassani di Ferrara e fece nascondere, evitandone arresto e deportazione, Roberto Leone Finzi di Ferrara, già medico di Massa Finalese, che lì era ritornato per nascondersi, e del conte Renzo Carrobio di Carrobio, figlio dell’Ambasciatore del re d’Italia, il conte Vittorio Sacerdoti, che aveva fatto cambiare il suo nome in Carrobio di Carrobio. Nel 1973 a Don Richeldi fu conferita la Medaglia di Giusto fra le Nazioni.Nel corso del convegno in Assemblea legislativa sono previsti anche i saluti di Giovan Battista Pasini sindaco di Lama Mocogno in provincia di Modena, Comune del Giusto Antonio Lorenzini, e del sindaco di Borgotaro, in provincia di Parma, Marco Moglia. Oltre al racconto della storia di Don Richeldi da parte dell’assessore al Comune di Finale Emilia Elisa Cavallini e del Giusto Lorenzini verrà ricordata anche la storia della famiglia Candini di San Giorgio di Piano, in provincia di Bologna.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria