In consiglio comunale si è discusso di Crocifisso e poi si è votato.

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

Di seguito vi proponiamo le opposte ragioni e motivazioni dello scontro che ci sono pervenute in proposito da alcuni portavoce:


Durante l’ultima seduta del consiglio comunale di Fiorano Modenese, è stato bocciato l’ordine del giorno da noi presentato -PDL-Lega Nord- a difesa del crocifisso.

Ritengo doveroso esprimere, a nome del mio gruppo consigliare, un sincero ringraziamento per  le tantissime  persone che nelle ultime settimane, con la propria firma,  hanno dato il loro prezioso contributo. Tale iniziativa era nata infatti prendendo atto di una  reale preoccupazione da parte dei  cittadini in merito alla decisione assunta dalla Corte di Strasburgo.

Noi crediamo sia giusto e doveroso battersi a difesa del nostro patrimonio culturale,ed importante diffondere, fuori dalle istituzioni, tra la gente, il senso e l’importanza di questa battaglia di civiltà. Continueremo a sostenere ogni iniziativa tesa a garantire non solo nelle scuole ma anche nei luoghi pubblici, l’esposizione di un simbolo che la sinistra vuole rimuovere.

 

Orlandi Matteo

Consigliere Comunale PDL



Marco Biagini, capogruppo del Partito Democratico nel Consiglio Comunale di Fiorano Modenese, in riferimento all’ordine del giorno sul Crocifisso nelle aule scolastiche, ribadisce il voto negativo espresso al documento presentato dal consigliere Matteo Orlandi.

Infatti il documento chiedeva alla Giunta Comunale, “nel limite delle sue competenze e possibilità ad opporsi ad ogni azione o richiesta tesa alla rimozione del crocifisso all’interno delle aule scolastiche”. Ma la Giunta Comunale non ha alcuna competenza sugli arredi scolastici e non intende travalicare l’autonomia degli insegnanti e dell’istituzione educativa, che ha i suoi organi collegiali per affrontare la questione.

L’ordine del giorno non è stato votato perché avrebbe impegnato la Giunta Comunale a svolgere un compito non suo che sarebbe stato giustamente interpretato come una immotivata ingerenza. Né il Partito Democratico vuole farsi trascinare in una polemica strumentale che a Fiorano non ha riscontro, preferendo preoccuparsi di problemi più urgenti e più concreti

 .

Nota di Marco Biagini, capogruppo Partito Democratico in Consiglio Comunale a Fiorano Modenese


 

Ufficio Stampa

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12