Imu, Severi (FI): “”Il Governo dice no alla proroga della sua quota IMU, imprese inascoltate’

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

 “”Il governo  parla , ma poi di fatto non aiuta  le imprese, e pretende il 16 giugno la sua quota sugli immobili di categoria catastale D. Certo si sarebbe trattato solo di un differimento del problema al 16 settembre, ma avrebbe rappresentato una boccata di ossigeno per molte realtà””  

 

Lo afferma Claudia Severi, ex assessore di F.I e consigliere comunale

 

“”Avevamo chiesto il posticipo prima rata IMU. E consapevole di questo Il Comune di Sassuolo, con la delibera approvata il 3 giugno,  aveva predisposto l’estensione automatica del differimento al 16 settembre della prima rata IMU anche agli immobili strumentali, condizionandola alla pronuncia favorevole dello Stato, titolare di tale quota. Pronuncia che è arrivata ed è deludente. Evidentemente al  Governo serve solo fare cassa subito, infischiandosene delle difficoltà del mondo produttivo, vittima del  lockdown, a pagare le incombenze fiscali.

Cosi da un lato il governo PD-5stelle tende la mano e, a parole, promette liquidità ai contribuenti, e con l’altra gliela toglie subito. Noi ce l’abbiamo messa tutta e ora, continua la Severi, continueremo a percorrere ogni strada per agevolare chi lavora e produce. Il Comune  potrebbe ancora  agire sulle sanzioni e interessi.  Infatti,  sempre a seguito della delibera  approvata all’unanimità  dal nostro Consiglio Comunale,  dovrebbe essere allo studio la possibilità di riduzione di sanzioni e interessi per chi, in difficoltà economiche legate al Covid -19, pur dovendo ugualmente rispettare la scadenza di giugno, si troverà nell’impossibilità di farlo e pagherà con ritardo l’imposta””  

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo