Immigrazione: Prodi sta mettendo in gioco futuro paese. sinistra non comprende pericoli integralismo

Condividi su i tuoi canali:

None

Sull’immigrazione il Governo vuol mettere in atto politiche suicide. Quando ne parla Prodi fa capire di non conoscere la realtà e di non guardare al futuro con concretezza. Prodi non comprende che in Italia stiamo già vivendo una situazione emergenziale sul fronte dell’immigrazione clandestina che va quindi affrontata con iniziative speciali. I messaggi lanciati da questo Governo servono solo ad accelerare ed incrementare gli sbarchi, nella certezza che, una volta in Italia, nessuno riuscirà a gestire il rimpatrio degli extracomunitari, cosicché essi saranno liberi di scorazzare per il Paese, di delinquere e di godere di tutti i benefici che stanno facendo collassare il nostro welfare. Quando poi alla cittadinanza, sembra che il Premier abbia fatto marcia indietro sui cinque anni. Ormai è chiaro a tutti che in cinque anni non si può diventare cittadini italiani a tutti gli effetti. Su tutto il resto, invece, Prodi dimostra di non avere il polso della situazione, per esempio sulla differenza culturale e religiosa  tra immigrato ed immigrato, su chi si può integrare, adeguandosi alle nostre leggi e regole, e su chi invece non lo vuole proprio fare. E’ su questo piano che il Governo sta perdendo ogni credibilità, perché sembra tremare e prosternarsi di fronte all’arroganza di chi odia la nostra civiltà e si fa beffe dei nostri valori. Prodi infatti sbaglia quando parla di integralismi in generale: oggi il problema dell’Europa, dell’Occidente e dell’Islam più moderno e aperto è il fondamentalismo islamico radicale. Ma la sinistra questo non lo vuole proprio capire.

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

**NOI CONTRO LE MAFIE**

Incontro con GIUSEPPE ANTOCI Venerdì 10 febbraio ore 21 Istituto Alcide Cervi via Fratelli Cervi 9 – Campegine (RE) conduce Pierluigi Senatore Giuseppe Antoci, ex