Il teatrino televisivo

Condividi su i tuoi canali:

Il Grande Fratello 11 è iniziato ed ha fatto uno share del 40%...mentre la malasanità, i cassintegrati,l'evasione fiscale...non fanno audience!
art. di Giacomo Bianchi


 

Da “giovane” politico che vuole dedicarsi anima e corpo fra la gente per la gente ricercando soluzioni ai problemi dei propri concittadini, oltre a studiare sui sacri testi seguo tutto quello che mi è possibile di trasmissioni televisive che vengono dedicate alla politica, anche di quelle reti che propriamente di destra non sono. E questo perché bisogno conoscere l’avversario in tutte le sue sfaccettature per poter costruire una valida e solida alternativa onde presentarsi alla gente con soluzioni e non con false speranze, se non addirittura con promesse puntualmente non mantenute.

Per ciò detto seguo trasmissioni del calibro di “Porta a Porta”, “Matrix”, “Ballarò”, “Anno Zero”, “Niente di Personale”, “Exit”, “L’ultima Parola” e “Report”, tanto per citare le più famose ed anche le più discusse e discutibili. Se c’è una contemporaneità di trasmissioni, allora ne registro una e mentre seguo l’altra. Questo in particolare perché mi piace approfondire gli aspetti di una questione seguendo i ragionamenti dei vari contendenti e poi farmi un elenco dei dettagli più particolarmente interessanti per elaborare un progetto od un programma di lavoro.

D’altra parte, cosa volete, è deformazione professionale: sono abituato da 51 anni a pormi progetti e cercare strade per le loro realizzazioni che è difficile per me adesso shiftare ad altri sistemi che non sono consoni alla mia personalità. Quindi anche in politica cerco di conoscere, studiare e valutare per poi dare risposte concrete e non pie illusioni. Ed è per questo che molto probabilmente non farò mai carriera politica, in quanto in Italia per arrivare a quel traguardo (che dovrebbe essere quello di servire il popolo: PIA ILLUSIONE!) non devi essere il “rompiballe” di turno ma devi essere accondiscende, sfoggiando il miglior leccaculismo di cui devi essere dotato. Non è quindi roba per me!

Tuttavia, siccome essere utopistici non fa male a nessuno, io intanto studio e se dovesse cambiare questa politica, almeno sarò preparato!

Tornando a noi, dicevo di queste trasmissioni televisive che seguo con attenzione e francamente da alcuni anni a questa parte sono trasmissioni amorfe, vuote di contenuti e piene di parole roboanti prive di significato. Non si fa altro che parlare dei guai legali di Berlusconi, delle proprietà di Berlusconi, della villa di Antigua y Barbuda di Berlusconi (l’ultima novità in fatto di gossip), di quanto è “delinquente” Berlusconi, delle escort di Berlusconi e così via. Ma a noi, gente comune, lavoratori dipendenti, cassaintegrati, precari della scuola, malati, sfollati, terremotati, piccoli e medi imprenditori suicidi o aspiranti tali perché strozzati da un sistema fiscale ammazza-aziende, CHE CE NE FREGA DI BERLUSCONI privato cittadino?

A me sembra che in tutte le trasmissioni vengano solo gli strenui difensori di Berlusconi e quelli invece che, invidiosi di quello che Berlusconi ha costruito e della ricchezza di cui si circonda, se ne inventano una al giorno (e spesso più di una al giorno) per sparare ad alzo zero sul Berlusconi uomo. Io penso che aver intrapreso questa strada per sconfiggere Berlusconi o costringerlo a dimettersi non porti altro che a rafforzarlo ulteriormente: d’altra parte la stupidità demagogica e la cecità politica di certi conduttori o di certi politici da quattro soldi è cosa nota da 65 anni a questa parte.

Dicevo che a nulla importa a me, uomo comune, essere pensante e lungimirante, delle eventuali problematiche legali del Presidente del Consiglio (anzi beato lui che si può permettere una villa ad Antigua! Non so cosa farei per averla io ….. mannaggia!) ed i sondaggi dicono che come me ci sono almeno la metà degli italiani che la pensano in maniera uguale o similare.

Perché non facciamo invece trasmissioni a tamburo battente sui “Cassaintegrati della Fiat di Termini Imerese” che al 31 Dicembre 2010 saranno definitivamente a casa con 0 Euro di stipendio?

Perché non si fanno indagini televisive sulle malasanità, intesa non tanto sulla preparazione o meno di equipe chirurgiche, quanto sugli scandali e corruzioni sottaciute che pervadono il sistema SANITA’ ITALIA? Ad esempio quanti di voi sanno che ci sono sale operatorie in cui lavorano i chirurghi migliori ma con attrezzature d’anteguerra?

Perché non ci sono ogni giorno notizie sul fatto che l’evasione fiscale quest’anno sfonderà quota 130 miliardi di euro (in pratica 5 manovre finanziarie) e che, invece di fare una rivoluzione fiscale, si innalza l’età pensionabile delle donne per tentare di recuperare (in parte) questa cifra?

Perché non vengono messe nel palinsesto televisivo di Rai, Mediaset e LA7 programmi che parlino della Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e dei problemi che affliggono i tutori dell’ordine, dalla mancanza cronica di personale alla impossibilità di far uscire le auto per carenza di carburante? Costoro diventano notizia solo quando sparano per legittima difesa ed ammazzano un dimostrante che stava attentando alla loro sicurezza (vedi G8 di Genova), vengono messi alla gogna mediatica contemporaneamente alla santificazione del delinquente ammazzato che ha un aula in Parlamento ad egli dedicato! VERGOGNA!

Perché non si parla di soluzioni per abbattere la concorrenza cinese per salvaguardare le nostre produzioni interne?

Sapete perché non si fanno? E’ una questione di audience …

Andateglielo a spiegare ad un cassaintegrato questo motivo: se fossi al suo posto incomincerei a dare calci nel sedere a dritta e a manca!

Ma tant’è che Lunedì è iniziato il Grande Fratello 11 ed ha fatto uno share del 40% (più di 8 milioni di italiani a guardare sto obbrobrio da brividi …). Mia moglie e mio figlio si sono visti un bel DVD, mentre io ho incominciato a leggere l’ultima opera di Gianpaolo Pansa dal titolo “I Vinti non Dimenticano” .

Ve lo consiglio!

 

Giacomo Bianchi

 

Responsabile Dipartimento Sanità
LA DESTRA – VERONA

  

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.