Il taglio non fatto

Condividi su i tuoi canali:

""La maggioranza compatta ha votato a favore del mantenimento delle province. E ha sbagliato.""art. del Sen. Paolo Danieli

E’ da tempo che noi ci battiamo per l’abolizione delle province. Prima che essa venisse inserita nel programma del governo Berlusconi. Abbiamo già illustrato, probabilmente fino alla noia, i vantaggi che ne deriverebbero: 10,6 miliardi di euro, fatti salvi i posti di lavoro. Praticamente un quarto dell’intera manovra finanziaria progettata da Tremonti fino al 2014. Una bella cifretta che ci metterebbe al riparo da altri tagli con maggior impatto sulla vita degli italiani e che all’estero costringerebbe i nostri severi censori, dalle agenzie di rating ad alcuni paesi “amici”, ad ammettere che l’Italia non scherza nel risanamento dei conti ed è pronta, pur di mantenere gli impegni, a prendere in mano le forbici e tagliare addirittura un’istituzione prevista dalla Costituzione. Si sapeva che Berlusconi era stato costretto a rinunciare a questo punto del suo programma perché la Lega aveva posto il veto, nonostante fino a qualche anno fa volesse abolire province e prefetti in quanto emanazione del centralismo statalista.

Motivo: ha quattro province a presidenza leghista!

Martedì 5 luglio la Camera ha rinunciato definitivamente a procedere a questa riforma. La maggioranza compatta ha votato a favore del mantenimento delle province. E ha sbagliato.

Noi, che pure ci riconosciamo nel centrodestra, non possiamo tacere di fronte a questo clamoroso errore. Non solo perchè disattende il programma elettorale, ma perchè è un’occasione perduta, forse la più grossa, per dare un segnale a quegli elettori che in occasione delle ultime amministrative e del referendum hanno rifilato due sberle alla coalizione. Da parte di Berlusconi, dicevamo, ci sarebbe voluto un colpo d’ala per recuperare il consenso perduto. E individuavamo nell’abolizione delle province e del finanziamento pubblico dei partiti due atti fondamentali per dare una risposta al crescente malcontento contro “la politica”. Dobbiamo registrare che non c’è stato.

Peccato, perchè quello era il taglio che costava meno e rendeva di più.

 

Paolo Danieli

 

^^^

Nell’aggiornamento del giovedì, il seguito ideale dell’articolo, ossia  Le province le aboliamo noi! , sempre a firma del Sen. Danieli.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ad onta dell’art. 21

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”  Diciamo quasi  tutti…dato che  una

La corona di Maria Beatrice d’Este

Nel corso di una solenne cerimonia, la presentazione all’all’ambasciatore di Polonia della corona di Mary of Modena, moglie di re Giacomo II, ultima regina cattolica