“” Il Sommo Viaggio”” : Purgatorio

Condividi su i tuoi canali:

In questo “viaggio”, pensato, ideato e voluto dall’avv. Gian Carla Moscattini, si sono coniugati l’arte recitativa della Magistrale voce di Franca Lovino, con l’interpretazione musicale del poema a cura del noto violinista Gentjan Llukaci.

     Servizio fotografico di Corrado CORRADI     


Si è concluso il “Sommo viaggio” attraverso la seconda cantica della Divina Commedia, il Purgatorio, che Dante rappresenta, come stesse camminando sulla terra. Egli ci descrive le fasi del viaggio, le azioni e i movimenti dei demoni, degli angeli, degli ufficiali, dei santi e di tutti i personaggi che incontra in modo preciso ed accurato, onde consentirci di immaginare mentalmente un universo di cui, altrimenti, non si avrebbe cognizione. È come se Dante costruisse, verso dopo verso, luoghi virtuali che suscitano l’illusione di essere veri.

I dannati, i penitenti e le anime, che si incontrano lungo il cammino, sono persone delineate nella loro completezza psico-fisica, fornite di una biografia e collocate in bella vista, che si muovono con decine e decine di altre figure rappresentate in modi tendenzialmente riassuntive e generiche.

Di alcuni è possibile vedere il corpo e sentire la voce, di altri, muti, è evidenziato solo un tratto somatico, di altri ancora una particolarità psicologica o dal loro nome in vita. Gli abitanti del mondo ultraterreno così rappresentati non sono i personaggi immaginari o, comunque, a quel mondo attinenti, ma nella loro maggioranza sono quelli storici, i personaggi che nell’aldilà sono approdati provenendo dal nostro mondo. Anime, sì, ma con un carico di vita vissuta.

Ecco, per questa ragione si è deciso di affrontare questo cammino, attraverso anche la cantica del Purgatorio, e offrire a tutti coloro che sono intervenuti, una chiave di lettura semplice ed al tempo stesso inedita, onde contribuire al miglioramento e alla maggior diffusione della cultura, quale catalizzatore per le relazioni tra i cittadini, in un comprensorio così assetato di sapere, nella consapevolezza che la cultura è considerata, da sempre, uno dei maggiori punti di forza di un’amministrazione, che ha fortemente sostenuto l’iniziativa.

Questo progetto sulla Divina Commedia, infatti, oltre ad essere fonte di valori di identità, permette di respirare un senso di appartenenza nei suoi diversi contenuti e profili, contribuendo al benessere delle persone, alla coesione ed inclusione sociale, facendo sentire ogni singolo partecipante ugualmente importante.

In questo “viaggio”, si sono coniugati l’arte recitativa della Magistrale voce di Franca Lovino, con l’interpretazione musicale del poema a cura del noto violinista Gentjan Llukaci, che ha emozionato e condotto i presenti nelle percezioni emozionali più profonde, insieme alle illustrazioni di Dalì piuttosto che di Dorè, a seguito delle spiegazioni dottrinali accompagnate dalle parafrasi dei versi scelti; un cammino che ha suggestionato il pubblico, tenendolo incollato ed attento per tutta la durata degli incontri.

Chi ha pensato, ideato e voluto questo progetto, l’avv. Gian Carla Moscattini, ha dichiarato di aver posto le proprie competenze al servizio della collettività, in collaborazione con i vari enti di riferimento, al solo scopo di rendere un servizio orientato al miglioramento delle condizioni morali e culturali del paese, avendo come obiettivo principale la partecipazione collettiva, consapevole che nessun essere umano può trovare compimento solo in se stesso, ma nella ricerca del Bene comune incentrato nel rispetto dei diritti dell’uomo in ogni loro forma; ricerca che però impegna tutti membri della società che ricoprono un ruolo pubblico o sociale e che, ciascuno per la loro parte, sono chiamati a tenere in considerazione, ponendo come supremo proposito, quello di mirare all’obiettivo dell’interesse collettivo, promuovendo azioni al di là dell’interesse partigiano, difendendo i diritti dell’essere umano, puntando a ridurre le disuguaglianze socio-economiche, favorendo la cultura e promuovendo la qualità di vita.

Con questi propositi, saremo tutti lieti di partecipare ai prossimi incontri per incamminaci in questo “Sommo viaggio” che si concluderà con la disamina del Paradiso il 4 e l’11 marzo 2019 ore 21.00, sempre a Sassuolo, saletta della Biblioteca comunale, via Rocca

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...