IL SINDACO RINGRAZIA I VOLONTARI DI LEGAMBIENTE

Condividi su i tuoi canali:

Nei giorni scorsi, a seguito della segnalazione pervenuta all’Amministrazione comunale e che indicava la presenza di numerosi rifiuti abbandonati lungo il greto del Fiume Secchia in prossimità del Pescale, il Comune di Sassuolo si è prontamente attivato e, grazie alla preziosa e tempestiva collaborazione delle Guardie Ecologiche volontarie di Legambiente di Modena, è stato possibile recuperarli per conferirli correttamente.

“Il lavoro dei volontari delle Gel – sottolinea il Sindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani – ancora una volta è stato tempestivo ed efficace, permettendoci in breve tempo di risolvere una situazione creata da chi non ha minimamente a cuore il decoro e la salute della nostra città e dell’ambiente. Non è assolutamente la prima volta che le Guardie Ecologiche di Legambiente intervengono velocemente su una segnalazione del nostro ufficio Ambiente e sono certo non sarà l’ultima: grazie al loro lavoro svolto con attenzione e passione ci è possibile porre rimedio a quello che è un vero e proprio reato e che, attraverso controlli e videosorveglianza, puntiamo a punire. Grazie di cuore, a nome di tutta la città di Sassuolo, ai volontari svolgono un lavoro eccezionale”.

Si invitano tutti i cittadini a non abbandonare i rifiuti, sia perché è vietato per legge sia perché su tutto il territorio comunale è presente un sistema diffuso e capillare di raccolta degli stessi.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo