Il sindaco Pattuzzi rimane senza maggioranza. seduta consigliare pietra tombale per la giunta di sinistra

Condividi su i tuoi canali:

None

“”La seduta notturna di ieri, in Consiglio Comunale, si è trasformata nella pietra tombale per la Giunta Pattuzzi. L’ormai pseudo maggioranza è caduta per mancanza di numero legale e su una delibera presentata dall’Assessore dei Comunisti Italiani relativa alla proposta di riconoscere ai dipendenti della Sat la qualifica di agenti accertatori per il controllo dei rifiuti.
Di fronte alla compattezza dimostrata per tutta la seduta dalle forze della CDL, il centro sinistra si è frantumato. Al di là del merito della delibera che Forza Italia contesta sia sotto il profilo della opportunità che della legittimItà, salta agli occhi la defezione della Margherita e la decisiva assenza del consigliere dei Comunisti Italiani. E pensare che hanno vinto loro per un pugno di voti le elezioni. E’ chiaro che la maggioranza in consiglio comunale è sempre più astratta. Nei fatti non esiste. Una fetta di  Margherita molto spesso non concorda con le scelte di governo del Sindaco. Pattuzzi è Sindaco grazie ai voti dei moderati ma governa grazie ai voti decisivi della estrema sinistra. L’estrema sinistra è solo un disco della sua spina dorsale ma senza non governerebbe. E ieri sera ne è stata la prova provata A Sassuolo é ormai scoccata l’ora di pensare a una nuova geografia politica capace di dare il governo della città in mano ai moderati che,  in termini di elettorato, rappresentano la maggioranza della popolazione

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati