Il Sarto a domicilio

Condividi su i tuoi canali:

Quando ancora “piccolo è bello” e “la Cina non è vicina”. Bice incontra e concede spazio a queste invidiabili e significative nostre micro-realtà iniziando con il Sarto Armando

Signor Armando, Lei è uno dei pochissimi sarti che “costruisce” abiti su misura, vero?

 

Certo, come venivano fatti nei tempi passati, tutto in crine, tutto costruito a mano e rappresento una delle poche aziende in Italia che fa abiti su misura a domicilio, solo per uomo

 

In cosa consiste questa “consulenza a domicilio”?

 

Significa che si va a  casa o in ufficio dai clienti, si propongono i tessuti, , si prendono le misure, si prova. I miei nonni, lo facevano negli anni ’30 – ’40: andavano a casa delle famiglie ricche, nobili e borghesi del mantovano e io ho ripreso questo mestiere: faccio abiti per professionisti, gente che ha sempre poco tempo, prendo un appuntamento, loro non sprecano tempo, non si spostano dal luogo di lavoro e io costruisco l’abito e lo consegno tutto. Tutto senza che si muovano dal loro ufficio, senza distrarsi. Di recente ho fatto su misura abiti a industriali milanesi che lavorano anche 12 ore al giorno, non hanno tempo per niente altro, sono persone che non andrebbero mai per negozi e certamente non vogliono perdere due ore per recarsi in una sartoria 

Una volta prese le misure, e fatta la prima volta la prova del vestito, non ho più bisogno di disturbare il cliente. Magari sua moglie sceglie il tessuto che sa gli possa piacere e lui si ritrova l’abito nell’armadio, senza essersi scomodato.

 

La sua, dunque, è una tradizione di famiglia?

 

Sì e io ho imparato da mio nonno, che ha 99 anni, sta ancora in laboratorio, anche se osserva e a volte consiglia, dà suggerimenti

 

L’uomo che tipo di abito chiede?

 

L’uomo veste molto classico, ma sono particolarmente contento perché tutti i ragazzi, anche i più giovani, si stanno portando verso la giacca, su misura ovviamente, destrutturata, cioè senza spalle, costruita, di grande stile, giacca blu con bottone in argento o in oro, sta tornando l’uomo vestito con stile

 

Che tessuti consiglia?

 

Uso tutti i tessuti migliori al mondo, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Compro da Londra all’Australia, poi due volte all’anno vado alle aste, dove acquisto dal kashmir, ai lini, ai cotoni, tutti i tessuti.

 

Quali sono le linee di moda?

 

E’ tutto molto soggettivo, ma ora il pantalone deve essere a sigaretta e la giacca non incollata, a due bottoni, molto asciutta, molto tirata in vita, senza imbottitura sulle spalle.

 

Quanto costano i suoi abiti?

 

Da 600 ad 800 euro, tessuto a parte. Ma gli abiti sono su misura, del tessuto che magari la moglie preferisce, anche perché nei negozi di Modena, anche non famosi, anche non boutique, gli abiti costano dai 1500 – 1600 euro. Io non sono un artigiano che fa miracoli o regala, ma andando direttamente a casa del cliente, si risparmia in gestione, personale…ed è una formula vincente, in più siamo un gruppo di persone che sa lavorare con le mani e con il buon gusto

 

Insegna la sua arte?

 

In Italia saranno soltanto in venti – venticinque i sarti che esercitano la mia professione. E’ un lavoro al quale non si vuole dedicare nessuno perché è impegnativo, devi trattare con le persone, porta via tempo, si devono fare molti chilometri per raggiungere i clienti. Il bacino d’utenza del mio lavoro non si limita soltanto alla nostra regione, lavoro con persone che risiedono in tutta Italia, ed ora anche con l’estero. Sono stato di recente in Ucraina, sono stato ospitato, e sono stato pagato bene senz’altro perché sono bravo e italiano, ma anche perché ci sono persone che amano che un sarto italiano vada nella loro città a co
nfezionare per loro un abito su misura. Amano essere coccolate e fin che se lo possono permettere!  Quindi si diceva un lavoro impegnativo, che pochissimi vogliono fare, in più io devo ancora imparare molto e quindi non lo posso insegnare

 

Il made in Italy funziona nel suo ambito professionale?

 

Da cinque anni a questa parte noi facciamo il 30-35% in più di fatturato. A me non va male, speriamo che duri! Ho qualità, prezzo, sono italiano e lavoro con il passa parola, questo significa che i miei clienti sono soddisfatti.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...