Il rispetto istituzionale e i due euro per Belen

Condividi su i tuoi canali:

La satira politica, sarebbe meglio dire pseudo-politica, ha sempre usato i difetti fisici per
caratterizzare i potenti, dalla statura di Fanfani e Brunetta alla gobba di Andreotti.
Ma non erano utilizzati per sminuirne la statura e il ruolo politico.

Berlusconi è stato il primo che ha voluto offendere una donna politica utilizzando il suo aspetto fisico non da top model per sminuirne le capacità.  “Ravviso che lei è sempre più bella che intelligente” disse a Rosy Bindi e aggiunse: “Non mi interessa nulla di quello che lei eccepisce”.

Il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna, del centrodestra non ha commentato in modo diverso l’elezione di Elly Schlein a segretario del Pd. Paragonandola ad un dromedario ha grettamente aggiunto:  “E cosa volevate per 2 euro, Belen?”.

Come si è difeso? “Non è mai mia intenzione offendere nessuno. Comprendo bene cosa significhi subire battute denigranti perché le vivo quotidianamente sui miei profili social, per la mia fisicità, eppure non ho mai notato grandi indignazioni. Apprezzamenti che io stesso giudico con ironia perché sono una persona autoironica”.

Passi, ma scivola con la frase successiva:  “Sono perfettamente consapevole della mia responsabilità di primo cittadino”, tuttavia spiega che non potrà mai privarsi “della libertà di poter esprimere il mio sarcasmo, anche a costo, talvolta, di andare sopra le righe. Chiedo comunque scusa a Elly Schlein”.

No. Un sindaco non può, nemmeno nel suo profilo personale perché la battutaccia si riferisce a quello che lui ritiene giusto e possibile: mancare di rispetto verso una parlamentare e lo fa non sulle sue capacità politiche, ma come donna e sul suo fisico, come se valga la sua bellezza e non le sue capacità.

E critiche a Vivarelli Colonne arrivano perfino da personalità della sua parte politica. L’europarlamentare della Lega Susanna Ceccarelli lo liquida con un: “Leggo ironia da quattro spiccioli sull’aspetto fisico di Elly Schlein, ironia che condanno fortemente. Ci sono 10.000 motivi per sostenere che non ci piacciono le posizioni estremiste di Schlein ma le offese sull’aspetto estetico squalificano solo chi le pronuncia”.

Bisogna che la Meloni insegni ai suoi quanto sia d’oro il silenzio. Le uscite di Vittorio Feltri (“Agli extracomunitari ricordo un vecchio detto italiano: partire è un po’ morire. State a casa vostra”) e di Piantedosi (“La disperazione non giustifica viaggi che mettono in pericolo i figli”) provocano giustamente reazioni indignate e obbligano a improbe difese d’ufficio.

Instagram| Il post del sindaco di Grosseto contro la segretaria del Pd, Elly Schlein

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa