Il Piano Kalergi

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

“L’uomo del futuro sarà di razza mista. Le razze e le classi di oggi spariranno gradatamente per la mancanza di spazi, tempi e pregiudizi. La razza Euroasiatica-Negroide, simile in apparenza a quella egiziana, rimpiazzerà la diversità dei popoli con una diversità di individui”.

Il sistema immigrazione – perché di ”sistema” si tratta – così fortemente organizzato dagli organi politici e amministrativi dello Stato e dalle articolazioni non governative (Caritas etc.) difficilmente può essere spiegato se non si conoscono le ragioni che stanno alla base di tale fenomeno.

Ogni due anni in Europa vengono premiati con il “Coudenhove Kalergy Prize” i leaders europei che si siano distinti nella promozione dei valori nati nel pensiero di Richard Coudenhove Kalergy. Ultimamente la Merkel e H.Van Rompuy.

Kalergy era una importante figura del secolo scorso. Di nobili origini, all’inizio antisemita, divenne in seguito un acceso sostenitore del sionismo (grande amico di Theodor Herzl, uno dei suoi fondatori, e del Barone Louis de Rothschild che lo finanziò) rimanendo comunque legato al cattolicesimo in una nuova visione del mondo.

Secondo Kalergy “l’uomo del futuro sarà di razza mista. Le razze e le classi di oggi spariranno gradatamente per la mancanza di spazi, tempi e pregiudizi. La razza Euroasiatica-Negroide, simile in apparenza a quella egiziana, rimpiazzerà la diversità dei popoli con una diversità di individui”.

Il piano Kalergy prevede dunque un’immigrazione massiccia in Europa da parte di popoli provenienti dall’Africa e dall’Asia al fine di creare un “tipo unico”, riverente ed accondiscendente alle scelte delle élites, nel segno di un Nuovo Ordine Mondiale, a seguito del genocidio dei popoli europei.

Per Kalergy, la Chiesa rappresenterebbe una pedina fondamentale di questo piano.

L’Inno alla Gioia di Beethoven  come inno europeo è una sua indicazione lontana, così come i simboli europei, carichi di riferimenti alla Massoneria.

Se da un lato è possibile avere notizie del premio suddetto, appare quasi impossibile procurarsi l’opera succitata, nella quale lo scrittore delinea il Nuovo Ordine Mondiale. Una casa editrice che, tempo fa, tentò di pubblicare “Praktischer Idealismus” di Kalergy, si vide il sequestro (siamo nel 1990) delle bozze da parte della polizia tedesca e il divieto di proseguire con le pubblicazioni.

Inutile dire che Kalergy era massone e che fondò anche una propria importante Loggia (Ur Lodge Pan Europe) ancora oggi attiva a Vienna.

A tale disegno, ovviamente, aderiscono i principali esponenti di Goldman Sachs, JP Morgan, la maggior parte dei componenti della Bildelberg ed altri.

I governi prendono ordini. Sono servi.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...