Il PD copia la Lega Nord: la conferma che i nostri sono gli unici programmi validi

Condividi su i tuoi canali:

None

Dopo aver ripetutamente bocciato le proposte della Lega Nord, il PD ha capito che sono le uniche intelligenti e adesso cerca di farle proprie. Non sappiamo se sentirci onorati o derubati. Non sappiamo se accusare Cotrino, Goldoni, Gorrieri e Rimini di furto o se consegnargli la tessera della Lega.

In Consiglio Comunale hanno presentato un ordine del giorno sui problemi di degrado di piazza Matteotti, nel centro di Modena, che riprende tutte le denunce e le proposte che la Lega Nord ha portato all’attenzione della giunta e che questa ha sempre rigettato.

Problemi di maleducazione, di inciviltà, di vandalismo e, non ultimo, di illegalità hanno reso questo luogo sempre meno fruibile dai modenesi e dai residenti del quartiere. Gruppi di ragazzi privi di qualunque senso di convivenza civile hanno colonizzato un’area sottraendola all’uso comune. Per risolvere il problema e venire incontro alle sacrosante richieste dei residenti più volte la Lega Nord ha invocato interventi di riqualificazione che andassero dall’installazione di telecamere alla posa di nuovi arredi, a interventi di carattere sociale accompagnati da una maggiore presenza della polizia municipale.

Ma alla Lega Nord, così come ai cittadini, la giunta non è solita dare risposte positive. Speriamo che lo faccia con alcuni consiglieri del suo schieramento. Se così fosse, li inviteremo a partecipare alle riunioni del giovedì del nostro movimento dalle quali scaturiscono le idee per il miglioramento della nostra città, che loro potranno poi portare in consiglio. Ne risulterà un risparmio di tempo e un vantaggio per i cittadini, perché così la Lega Nord governerà Modena “per proc 

 

Capogruppo circoscrizione 1 centro Storico

Segretario cittadino lega Nord per l’indipendenza della Padania

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria