Il museo del Bardo

Condividi su i tuoi canali:

Quando IS  “abbatte” la cultura, demolisce il cuore di un paese. Non riuscite a figurarvi quale pericolo potrebbe rappresentare per noi italiani?

L’attentato portato da IS al museo del bardo di Tunisi di mercoledì mattina, dove sono morte 24 persone, tra cui 4 italiani, e circa cinquanta feriti, non è grave solo per il bilancio appena citato quanto per ciò che rappresenta.

Attaccare un museo significa porre in forte discussione la cultura che esso rappresenta, qualunque essa sia.

La prima immagine che mercoledì mattina mi è tornata alla mente risale al 2001, quando i talebani distrussero le megalitiche (alte oltre 50 metri) statue dei Buddha di Bamiyan per dimostrare il loro disprezzo nei confronti dell’iconoclastia occidentale.

Quando si “abbatte” la cultura si demolisce il cuore di un paese o di una cultura. Non riuscite a figurarvi cosa potrebbe rappresentare per noi italiani? Immaginate un paio di esagitati che occupino gli Uffizi a Firenze, la Galleria dell’Accademia di Venezia, i Fori Imperiali a Roma o i sassi di Matera.

Ora riuscite a figurarvelo? Bene, sarebbe come perdere l’anima, annichilire l’essere, strapparsi la pelle.

IS va fermato…quando capiremo che ciò non potrà essere realizzato solo da curdi e siriani?

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...