Il monumento mai costruito

Condividi su i tuoi canali:

. Cosa vuoi che sia ridurre il numero dei parlamentari o dei consiglieri regionali a fronte di centinaia di opere mai realizzate, ma con progetto pagato art. del Sen. Paolo Danieli

 

Il ponte di Messina è il monumento non costruito alla serietà Italiana. Un altro motivo per farsi ridere dietro dal mondo. Poco importa servisse o no. Non fosse servito, ma fosse stato costruito, sarebbe stato comunque un’importante opera, di quelle che restano alla storia. E poi, nel tempo, magari sarebbe anche servito.

Invece passerà alla storia come il grande bluff propagandistico di Berlusconi. Uno spot che costerà agli italiani un miliardo di euro. Questo sì costo della politica. Cosa vuoi che sia ridurre il numero dei parlamentari o dei consiglieri regionali a fronte di centinaia di opere mai realizzate, ma con progetto pagato, oppure progettate, costruite a metà e lasciate lì. L’Italia ne è piena, soprattutto al sud. Lavori iniziati, tirati per le lunghe per anni, come s’usa per farle costare di più e poi, per qualche sopraggiunto inghippo burocratico, mancanza di soldi o fallimento dell’impresa, piantati lì. In Giappone hanno ricostruito un importante tratto d’autostrada distrutto dal terremoto in una settimana. In Italia per fare un banale parcheggio ci vogliono anni. In Austria, in Germania, in Francia le riparazioni delle strade vengono fatte lavorando giorno e notte, per far prima e arrecare meno disagi. In Italia iniziano al mattino e si interrompono nel pomeriggio per non sforare gli orari sindacali. E poi bastano due gocce d’acqua per sospenderli fino al ritorno del sole. Sono passati vent’anni da quando era stato deciso di far passare il Corridoio 5, infrastruttura che dovrebbe collegare Lione a Kiev passando per il nord Italia con la ferrovia ad alta capacità. Proteste a parte, comunque ininfluenti se ci fosse la volontà politica di andare avanti, è ancora sulla carta. Tanto che si teme che potrà passare a nord delle Alpi, con tutto ciò che ne consegue in termini di ricaduta negativa sulla nostra economia. Altro che il ponte di Messina!

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...