Il miracolo chiamato solidarietà

Condividi su i tuoi canali:

Bice dedica questo spazio alle iniziative in favore dei cittadini che dal sisma dello scorso maggio stanno vivendo ore drammatiche e infiniti disagi. art. di Donatella Miotto

 

Confesso che, pur avendo sovente letto dichiarazioni d’intenti, propositi e scopi di altri meritevoli gruppi,  leggere queste parole, e i risultati raggiunti, grazie a tante persone eccezionali, mi ha veramente colpita. Grazie, anche da parte di noi tutti di Bice per questa bella iniezione di fiducia nel genere umano (adz)

 

 

Il  miracolo chiamato solidarietà

Proprio così perchè quello che già da giorni sapevo sarebbe successo, oggi si è finalmente concretizzato…sono arrivate in fila indiana 7 roulotte per San Prospero (Mo). E’ stata una gara di solidarietà che ha coinvolto tante persone e siccome non voglio dimenticare nessuno devo iniziare dall’inizio: voglio ringraziare Silvia di Mani Tese che mi ha messo in contatto con Grazia della CGIL di Modena, la quale mi ha dato il contatto con il camping della famiglia Capraro di Jesolo Lido (Ve) che mi ha donato le 7 roulotte. A questo punto però avevo il problema di farle arrivare a San Prospero, possibilmente in maniera gratuita senza pesare sulle tasche nè del comune nè delle famiglie che ne usufruiranno, allora ho sparso un po’ la voce e i miei amici Francesco Spagnolo e Cristina Faccini con la loro ass. Tremo ma non mollo mi hanno messo in contatto con la gentilissima signora Nadia Guzzinati di Castelnuovo del Garda (Vr). Nadia prima ha fatto lei stessa un sopralluogo a Jesolo per verificare la condizione delle roulotte, poi mi ha messo a disposizione 2 autisti con relativi camion per ben 2 giorni tutto a spese della sua azienda…E finalmente sono arrivate stasera come documentato dalle prime foto…Domani mattina i vigili del fuoco presenti sul nostro territorio ci daranno l’ultimo aiuto per portare a termine questo evento, tirandole giù con la gru dai camion e parcheggiandole in uno spazio messo a disposizione dal nostro sacerdote Don Aldo parroco di San Prospero. Cosa posso aggiungere una catena di solidarietà tutti uniti per donare a 7 famiglie qualcosa di più confortevole, caldo e meno umido di una tenda. Una tenda che è stata per 4 mesi una prima casa dopo il sisma ma ora che si avvicina l’inverno non è più sufficiente. Una roulotte non può sostituire una casa, ma è un passo in avanti per cominciare a sperare di vedere una luce in fondo al tunnel, magari poi arriveranno dei moduli e per chi è più fortunato un appartamento, ma intanto per oggi abbiamo le roulotte e di questo ringrazio tutte le persone che insieme hanno collaborato affinchè si riuscisse a coordinare il tutto fino a farle giungere a San Prospero. GRAZIE AMICI di tutto cuore e grazie per la fiducia che avete riposto nella sottoscritta, L’UNIONE FA’ LA FORZA e voi ne siete un vero esempio di solidarietà.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Studi sul boro alle Salse di Nirano

Per valutare quanto l’elemento prodotto dai vulcani di fango incida sull’arricchimento delle falde acquifere del territorio. Il Comune di Fiorano Modenese ha stipulato un nuovo