Il mio grazie ai medici obiettori

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

 

Come obiettore di coscienza al servizio militare mi sento ferito dagli attacchi all’obiezione di questi giorni, mascherati da una presunta difesa dei diritti delle donne (quando oggi le difficoltà delle gestanti non sono quelle di abortire, ma di avere le opportunità per continuare la gravidanza).

Purtroppo rispetto alla stagione dei diritti e dell’affermazione delle coscienze degli anni ’70-’80 oggi il vento è cambiato e si cercano di limitare le libertà in mille modi, al punto che non si vorrebbe nemmeno consentire ad un professionista di rifiutarsi in nome della sua coscienza di togliere la vita a dei bambini. Anni fa la Corte costituzionale ha detto che il diritto all’obiezione trae la sua origine dall’art. 2 Cost. pertanto è prevalente rispetto ad altri obblighi: nessuno se lo ricorda più?

Fare aborti è l’esatto contrario della professione medica: il medico cura e salva la vita delle persone, mentre nell’aborto dà loro la morte (e il medico sa bene cos’è un aborto!). Perché stupirsi se alcuni non ce la fanno più a reggere questa contraddizione?

O vogliamo pensare che la maggioranza dei medici sia una massa di fannulloni? O che tra loro ci sia una percentuale di credenti che non ha pari in nessuna altro gruppo sociale?

Anche negli anni ’80 c’era una campagna diffamatoria contro gli obiettori, che per qualcuno erano solo un manipolo di imboscati. Oggi invece si insinua che ne traggano vantaggi di carriera.

Dispiace però trovare persone che ieri difendevano a spada tratta gli obiettori ed oggi sono in prima linea ad attaccarli.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un