“”IL MANICHINO DELLA STORIA””

Condividi su i tuoi canali:

None
 

Grazie ad internet ho seguito da Roma la polemica sulla mostra “Il manichino della storia” proposta dallo chef Massimo Bottura e dal gallerista Emilio Mazzoli.

Siamo così abituati nel Belpaese a vicende di questo tipo, che i fatti passano ormai  inosservati, quasi che fossero connaturati al sistema: un fenomeno che si osserva ormai da troppi anni – sia a Destra che a Sinistra – diventando consuetudine e che non  stupisce più nessuno. Anzi, dentro di noi, tutti sappiamo che se non siamo “amici” di qualcuno che conta  non possiamo avere chances nel mondo della cultura, degli appalti e di quant’altro. La nostra coscienza acquista questo convincimento come una vera programmazione e tende a non ribellarsi più.

Mi piace, però, immaginare un sistema che possa cambiare rotta e voglio “credere” che ciò sia possibile.

L’idea che tutto sia “raccomandazione”, “amicizia losca”, “favoritismo”, contribuisce a costituire il sistema della “raccomandazione”, “amicizia losca”, “favoritismo”. Voglio, invece, supporre che spettatori più consapevoli, con la volontà di incontrare artisti veri, creino una richiesta di arte/spettacolo che abbia un più alto palpito.

Quando un artista colpisce realmente il cuore dello spettatore, quando la sua idea fissa una verità generale, quando il suo discorso diventa musica e poesia, il pubblico accorre senza bisogno delle raccomandazioni dei potenti, giunge per una spinta urgente e improvvisa, una necessità naturale a mettersi in ascolto.

Il problema vero è che noi cittadini di oggi siamo sonnolenti e poco inclini a percepire insegnamenti sottili, ma se per caso una donna o un uomo illuminati s’inventano un discorso realmente risvegliante, lo sappiamo riconoscere.

Cerchiamo di trovare quelle menti illuminate che ci girano intorno, senza dare potere a chi con la cultura ci specula e basta.

Pensavo che  Roma detenesse il record del clientelismo. Mi stupisce immensamente che una cittadina come Modena, che conoscevo come capitale della lirica, della musica e della cultura in genere, sia caduta così in basso.

Cadono anche gli dei, ma bisogna rimetterli nel loro trono.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

ELEZIONI: UN INCONTRO PER LE LISTE

L’ufficio elettorale del Comune di Sassuolo organizza un incontro con le forze politiche che intendono presentare una lista di candidati alle prossime consultazioni elettorali comunali.