“Il lambrusco in trasferta”

Condividi su i tuoi canali:

None

10-11 GIUGNO, ORIGINALE INIZIATIVA DI VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI EMILIANI

 “Il lambrusco in trasferta” a Civitella del Tronto, uno dei borghi più belli d’Italia

L’evento organizzato da ConosciModena, porterà nel caratteristico Comune abruzzese nove produttori locali insieme alle specialità dello street food modenese. Degustazioni con il maestro dei panini Daniele Reponi e Matteo Pessina docente ALMA e coordinatore dell’Osservatorio del lambrusco

 

Uno dei vini rossi frizzanti più apprezzati al mondo, in uno dei borghi più belli e caratteristici d’Italia. Dieci realtà produttive di primo piano, tra cantine ed aziende agricole del territorio modenese e reggiano. Un solo protagonista: il lambrusco, per una due giorni in terra abruzzese inedita. Questi gli ingredienti de “Il lambrusco in trasferta”, originale, quanto innovativa iniziativa, in programma il 10 e l’11 giugno prossimi, a Civitella del Tronto, in provincia di Teramo, tra i Comuni annoverati nell’esclusivo Club de “I borghi più belli d’Italia”.

 

Promosso ed organizzato da ConosciModena, attiva realtà dedita alla promozione turistica, culturale ed enogastronomica dei territori emiliano-romagnoli, l’evento, al suo esordio, mira a valorizzare e a far conoscere in particolare un prodotto che è riuscito a ritagliarsi, negli ultimi vent’anni, un ruolo di primo piano al fianco di vini blasonati sia italiani che stranieri, in Italia e all’estero. Basti pensare che tra le cantine che saranno a Civitella del Tronto, diverse hanno già avuto il merito di ottenere importanti riconoscimenti: dai ‘Tre Bicchieri’ della guida annuale del Gambero Rosso, a quelli di Slow Food ad altri ancora di prestigio internazionale. 

 

Semplice, brioso e spumeggiante, il lambrusco – nelle sue versioni Sorbara, Grasparossa, Modena, Salamino, Reggiano e Mantovano – grazie alla sua bollicina è in grado di conquistare anche i palati più raffinati. È risaputo che si abbina con le specialità della tradizione emiliana e proprio per questo, alcune delle quali saranno proposte, a 400 km circa più a sud dai loro luoghi d’origine, in occasione del week-end in terra teramana. In accostamento al rosso frizzante per eccellenza infatti, non mancheranno, gnocco, tigelle e salumi, tipici emiliani, grazie alla presenza delle note insegne dello street food modenese: Macelleria del Viale, Gnock & Roll e Osteria Emilia.  Al seguito de “Il Lambrusco va in trasferta” ci sarà poi Daniele Reponi noto per l’estro creativo che esprimono i suoi panini. Sabato 10 e domenica 11 giugno Reponi proporrà cinque tigelle speciali in abbinamento con altrettante etichette di lambrusco, scelte dal Coordinatore dell’Osservatorio del Lambrusco Matteo Pessina docente della prestigiosa Scuola Internazionale di Cucina Italiana ALMA di Parma: in quelli del sabato l’ingrediente principale saranno i salumi emiliani. Domenica invece la farcitura verrà realizzata con salumi della tradizione abruzzese.

 

Promozione certo, ma anche finalità solidaristiche quelle dell’iniziativa che punta anche ad offrire attraverso il ricavato – tutte le etichette delle cantine presenti sono in vendita – della due giorni, alla ristrutturazione della scuola del Comune abruzzese, seriamente danneggiata a seguito dell’abbondante nevicata del gennaio scorso.  

 

“Il Lambrusco in trasferta” si terrà nelle vie e nelle piazze del cuore storico di Civitella del Tronto il 10 e l’11 giugno. In programma, oltre alle degustazioni, un incontro sul Lambrusco a cura di Sergio Scarvaci, delegato nazionale dell’ONAV (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino), concorsi – uno fotografico ed uno di bellezza – a premi, e serate di musica tradizionale abruzzese. Per informazione dettagliate: tel. 335 5330753; info@conoscimodena.it; www.festivaldellambrusco.it; o

Facebook: https://www.facebook.com/festivaldellambrusco/?fref=ts   

 

IL PROGRAMMA

Una due giorni di scoperta delle peculiarità del Lambrusco: vino, degustazioni, cultura, incontri a tema e buon cibo. Diversi, ed interessanti gli appuntamenti nel corso dell’iniziativa, per imparare a conoscere ed apprezzare le qualità che la nota bollicina rossa emiliana esprime.

 

TAGLIO DEL NASTRO E… DEGUSTAZIONI. L’inaugurazione de “Il Lambrusco in trasferta”, con l’apertura dei banchi di assaggio è fissata per sabato 10 giugno alle ore 17.00, mentre il primo appuntamento-aperitivo con Daniele Reponi è los tesso giorno alle 20.00. L’esperto realizzatore di panini, farcirà tigelle con salumi tipici emiliani in abbinamento ad altrettante etichette di lambrusco, scelte dal Coordinatore dell’Osservatorio del Lambrusco Matteo Pessina docente di Alma. Programma analogo per domenica 11 giugno con le sole varianti che Reponi proporrà le tigelle a pranzo – ore 13.00 – farcite però con salumi della tradizione abruzzese e sempre in accostamento a cinque etichette di vino. Un incontro dedicato al lambrusco è previsto invece sempre domenica, dopo l’apertura dei banchi di assaggio (ore 16.00) alle 17.00, a cura di Sergio Scarvaci, delegato nazionale dell’ONAV. Ciascun momento – degustazioni ed incontro – avrà un costo di 10,00 euro e ai partecipanti verrà rilasciato il ricettario dei panini di Reponi. Per i soci AIS (Associazione Italiana Sommelier), ONAV e per gli operatori del settore il costo delle degustazioni sarà di 8,00 euro.

 

STREET FOOD ED INTRATTENIMENTO. Dal sapore tipicamente emiliano l’offerta ‘street food’ che accompagnerà per due giorni i produttori di lambrusco presenti a Civitella del Tronto e che troveranno posto nelle vie e piazze del cuore del borgo antico. Si va dalla Macelleria del Viale con le sue specialità, al noto Gnock & Roll di Roberto Moncada, a Osteria Emilia. l’intrattenimento invece sarà musicale con la musica popolare di gruppi locali del folclore musicale abruzzese.

 

CONCORSI. Due i concorsi indetti da “Il lambrusco in trasferta.” Il primo “Miss bollicine Concorso di bellezze spumeggianti come il lambrusco”, rivolto a ragazze che abbiano compiuto il 16esimo anno di età. Il primo premio consiste in un week-end a Modena per due persone, e poi capi d’abbigliamento della ditta “Antonella Razzoli”, accessori delle pelletterie “I Santi” e “Schedoni” e vari prodotti di bellezza per corpo e capelli. Il secondo concorso invece è fotografico “Scatta la foto e scappa in vacanza”, in cui occorrerà scattare una foto o un selfie che dovrà rappresentare un momento della manifestazione e contenere un bicchiere di lambrusco. Per informazioni ed iscrizioni ad entrambi info@conoscimodena.it. 

 

SPONSOR E PATROCINI. Per aver permesso la realizzazione de “Il Lambrusco in trasferta”, un ringraziamento particolare va a: Caffè Cagliari, Antonella Razzoli, Borghi progetto enologia, Leon
ardi e Ciardullo salumi di qualità, Dispensa Emilia, Leonardi artigiani produttori 1871, Zunica 1880 Hotel gourmet e relax, Corona carni.

 

 

 

CIVITELLA DEL TRONTO, è situata in una splendida posizione a 589 metri di altezza in Val Vibrata, in provincia di Teramo sul confine tra Abruzzo e Marche, Civitella del Tronto è annoverata nel club esclusivo I borghi più belli d’Italia, per le sue caratteristiche storico culturali ed architettoniche. Viene ricordata infatti  prima di tutto per la Fortezza – un gioiello d’architettura, ora anche Museo delle Armi – una delle più grandi e importanti opere di ingegneria militare d’Europa realizzata nel XVI secolo da una precedente rocca aragonese, caratterizzata da una forma ellittica con un’estensione di 25.000 mq ed una lunghezza di oltre 500 metri. Da un punto di vista paesaggistico, si segnalano nelle vicinanze le Gole del Salinello uno dei valloni più spettacolari di tutto l’Appennino, attraversate dal fiume Salinello in un panorama di incontaminata bellezza e da sentieri escursionistici tra i più suggestivi ed interessanti del Parco Nazionale Gran Sasso Monti della Laga.

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gentilezza mal ripagata

Un gesto  di gentilezza, tenere aperto il portone  d’entrata del palazzo a chi segue … Le persone  educate lo compiono quasi automaticamente, non lascerebbero mai

Olimpiadi ma non in pace

Quando nell’antichità si svolgevano  le Olimpiadi, le guerre erano sospese da una tregua e quando Pierre de Coubertin volle riproporle nel mondo che si avviava