Il Grillo straparlante

Condividi su i tuoi canali:

Comunque queste sono le persone, esse rappresentano il vecchiume e il suo opposto, cioè il rinnovamento che lo dovrebbe scalzare.
art. di Maria

 

 

Non avrei mai immaginato, dopo aver preso le difese, tempo addietro, della Bindi, di farlo nuovamente e per giunta mettendola insieme a  Nicole Minetti, in questi giorni nella bufera, con tutti i fedelissimi di Berlusconi che, all’improvviso, ne chiedono a gran voce le dimissioni: la sua immagine, infatti, nuocerebbe al partito, secondo il “capo”. Lo stesso “capo” che,lo  ricordiamo, che si lanciò in una difesa accorata della stessa, con una memorabile telefonata all’Infedele di Gad Lerner, elogiando quella che oggi vuole cacciare…A parte l’umorismo involontario che permea  i discorsi del Cavaliere, allora come oggi, egli  ne tratteggiò un lusinghiero ritratto… Laureata, (Igienista Dentale, lo disse che se si fosse trattato di laurea in Fisica Nucleare), la definì una splendida persona, esaltandone le doti, persino quella di essere di “madrelingua inglese”… Come se fosse più meritevole avere una  mamma inglese che  insegna alla figlia la sua lingua, (come fece la mamma della Minetti,) che avere una  mamma  italiana che insegna alla figlia l’italiano. Per differenti motivi, non  mi piace la Bindi e non mi  piace la Minetti… Per quest’ultima l’invidia femminile non c’entra proprio, per questo ho una lista di ben altre bellezze, se proprio dovessi indulgere all’invidia…Mi trovo, tuttavia,a difendere sia l’una, sia l’altra. La Minetti perchè, nonostante la giovinezza, bellezza, estrema spregiudicatezza… verrà , come la servetta di qualche vecchio feuilleton, gettata dopo l’uso. Non ho alcuna simpatia politica per la Bindi, e neppure per lei come persona,  eppure ancora mi perseguita l’espressione ferita che le apparve sul volto alla sparata di Berlusconi, allora premier, che, in diretta, la definì “”Più bella che intelligente”” . Oggi sono indignata dall’attacco sferratole da Grillo, perchè trovo intollerabile che si aggredisca la persona, umiliandone la dignità, entrando persino nella sfera privata della sessualità e dei sentimenti Così ha fatto Beppe Grillo, il quale  ha perso molte occasioni per tacere, soprattutto ultimamente…Con inarrivabile sciatteria è arrivato a  motivare il parere contrario della Bindi ai matrimoni gay dicendo che «La Bindi, che problemi di convivenza con il vero amore non ne ha probabilmente mai avuti, ha negato persino la presentazione di un documento sull’unione civile tra gay. Vade retro Satana. Niente sesso, siamo pidimenoellini.”  Che ne sa questo signore, innanzitutto, della Bindi e poi, dov’è il giudizio politico?

Il dibattito politico, e ogni altra discussione,  scadono, e perdono ogni efficacia e credibilità  quando si riducono ad essere squallido,  becero e volgare attacco alla persona. Curiosamente, si fa per dire, chi si pone all’antitesi di Berlusconi usa i suoi stessi metodi, attacca la persona. Memorabile l’incivile definizione della Merkel, giudicata con severità dall’ex premier per la sovrabbondanza del fondo schiena e non per meriti, o demeriti, politici.

Comunque queste sono le persone, esse rappresentano il vecchiume e il suo opposto, il rinnovamento che lo dovrebbe scalzare. Francamente non mi sembra che ci sia da esultare, chiunque abbia il sopravvento.

MARIA

© Riproduzione Riservata

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.